La Toyota i-Road è finalmente diventata realtà. Presentata al Salone di Ginevra 2013, la piccola elettrica giapponese ha fatto il suo debutto lo scorso 6 marzo nel car sharing di Toyota City, nella Prefettura di Aichi. All’interno del progetto ‘Ha:mo’, studiato per offrire una perfetta integrazione tra mobilità individuale e trasporto pubblico, il triciclo si è aggiunto alla flotta del car sharing cittadino di cui fanno già parte altri veicoli elettrici e le bici a pedalata assistita di Yamaha.

Un servizio a zero emissioni che fornisce veicoli a costi contenuti (massimo 0,16 centesimi al minuto) è concepito soprattutto per brevi spostamenti urbani (il cosiddetto last mile trip) che interessano soprattutto i principali snodi del trasporto pubblico, come stazioni ferroviarie e degli autobus. Disponibile anche con un’applicazione per smartphone, il nuovo servizio è stato lanciato anche nello scorso ottobre al salone giapponese CEATEC ma entro la fine del 2014 le Toyota i-Road dovrebbero approdare in Europa per l’avvio di un progetto analogo a Grenoble. Il comune della città francese, infatti, ha messo a punto un piano di tre anni che prevede il rilascio di 70 i-Road e una partnership con l’operatore energetico EDF per l’installazione delle colonnine di ricarica.

La Toyota i-Road è un triciclo monoposto molto compatto (235 cm di lunghezza e soli 85 cm di larghezza, quasi 40 in meno della Renault Twizy) e che fa della leggerezza il suo punto forte (300 kg). Il peso ridotto è una caratteristica che consente una grande agilità e una possibilità di fare manovra in spazi ristretti. Inoltre la i-Road piega come una motocicletta ma con la stabilità di un quadriciclo visto che è lo stesso a inclinarsi quando si gira il volante. La carrozzeria chiusa è dotata di tutti i comfort come riscaldamento ma anche radio, navigatore e connettività Bluetooth.

Secondo i tecnici Toyota, l’i-Road può raggiungere un’autonomia di 50 km andando alla velocità costante di 30 km/h. Due i motori elettrici che la spingono: entrambi da 2 kW e inseriti tra le due ruote anteriori. LA velocità massima è di 45 km/h mentre le batterie al litio si ricaricano in circa tre ore.

LEGGI ANCHE

Toyota Hybrid Space Milano: in mostra i segreti dell’auto ibrida

Auto ibride Toyota e Lexus: consumi ed emissioni ridotte

Nuova Toyota Aygo: foto e video dal Salone di Ginevra

La Toyota Rav4 giunge alla quarta serie