Per poter trasmette nel migliore dei modi che cosa vuol dire guidare e possedere una vettura ibrida, Toyota ha deciso di dare vita al Test Drive della verità.

In una settimana sono state oltre 1.000 le prove su strada effettuate, con un totale percorso che supera i 7.000 km; di questi, il 55% è stato eseguito in modalità elettrica (EV mode) attivata in media durante le prove su strada. Oltre il 70% di chi ha effettuato il Test Drive della Verità si è dichiarato conquistato dall’esperienza di guida Hybrid.

La tecnologia al servizio dell’auto, dunque, un tema molto delicato soprattutto in questi periodi di discussioni feroci sui motori diesel tradizionali. Ecco perché Toyota, da sempre molto attenta e molto vicina allo sviluppo di veicoli ibridi, ha deciso di portare avanti una strada ben delineata: avvicinare il consumatore finale a questa nuova tecnologia, la più alta testimonianza dell’impegno e del lavoro svolto negli anni per migliorare la qualità di vita delle persone.

Una mobilità sostenibile e una salvaguardia dell’ambiente, questi sono gli obiettivi finali di questo processo. Le vendite dei veicoli ibridi negli ultimi anni ha superato il tetto degli otto milioni, con l’ultimo milione raggiunto in soli dieci mesi. La caratteristica principale di tutte le vetture ibride è la massima efficienza nell’utilizzo di tutte le componenti dell’auto, che si traduce in piacere di guida e silenziosità senza paragoni abbinate a emissioni ridotte, bassi consumi e costi di gestione.

La nuova Auris e tutta la gamma Hybrid Toyota saranno ancora protagoniste del Test Drive della Verità anche durante il weekend 26 e 27 settembre. Una modalità innovativa di prova su strada che, applicata alle vetture Hybrid, consentirà, attraverso un dispositivo collegato tramite un’interfaccia OBD, di rendere il cliente consapevole dei vantaggi di questa tecnologia.