Durante i Monza Track Days dello scorso 18 e 19 ottobre, Toyota ha svelato la GT86 Limited Edition, una serie speciale di GT86 con caratteristiche uniche ed esclusive (QUI I DETTAGLI). L’occasione di mostrare al pubblico la nuova sportiva in edizione limitata ha rappresentato un evento imperdibile per gli amanti delle auto sportive che hanno avuto la possibilità di provare la Toyota GT86 nel leggendario Tempio della Velocità grazie a GT86 Academy, la scuola di pilotaggio ufficiale Toyota. Due giorni di sali e scendi dall’auto che hanno permesso agli oltre 300 accreditati di mettersi alla prova sul tracciato brianzolo. In occasione dei Track Days la scena è spesso dominata da mostri come le supercar: nel weekend sono passate nel paddock LaFerrari e McLaren P1 ma anche Porsche GT3 e Nissan GTR, mezzi che raggiungono il doppio della potenza rispetto ai 200 cavalli della GT86. Assaggiare la pista voleva dire rimanere in balia dei predatori dell’asfalto. Ma forse è stato più affascinante così perchè la GT86 trasmette sensazioni forti, in primis quella di una potenza accessibile e gestibile anche dai guidatori meno esperti.

Guidare a Monza con la GT86

Prima di vivere l’emozione della pista è d’obbligo il briefing collettivo tenuto dai piloti professionisti della GT86 Academy, appassionati motivatori che fanno chiarezza sulla guida e sulle regole da seguire. Fondamentali i due giri seduti lato passeggero con un pilota professionista che frusta al massimo i 200 cavalli (a 7.400 giri) del motore boxer ma al tempo stesso spiega come affrontare al meglio il tracciato illustrando le regole basilari per una guida pulita e scorrevole. Specie su un circuito velocissimo come quello di Monza la guida diventa quasi una questione di equilibrio e per godersi al meglio il tracciato contano di più la velocità di ingresso e di uscita dalle curve più che la potenza. La GT86  trasmette subito sicurezza e si mostra intuitiva mettendo il guidatore a proprio agio. I lunghi rettilinei consentono sviluppare a meglio l’accelerazione, notevole nonostante la cavalleria non sia da corazzata. Quando si schiaccia il pedale la coppia spinge fin dai bassi regimi e si riesce a guadagnare velocità rapidamente tra una curva e l’altra (220 Km/h sul rettilineo box).

Corsi di guida in pista grazie alla GT86 Academy 

La frenata è potente e ben dosabile mentre lo sterzo si mostra rapido e preciso anche nelle chicane più strette. Il pilota al tuo fianco ti corregge i piccoli errori di guida (tra i più comuni piede sulla frizione e mani sul volante) ma i lascia anche salire sui cordoli dell’Ascari e delle esse più lente. La tenuta di strada mai si ha la sensazione di perdere il controllo della vettura: riuscire a farlo con le gomme stock 215/45 R17 è forse ancor più incredibile.  Qualcuno a fine test si domanda se le auto fossero davvero tutte originali. Azzardiamo una risposta: un aiuto lo avrà probabilmente dato la messa a punto al Nürburgring, un circuito in cui strada e pista si fondono nell’emozione della guida. Emozioni che tutti i possessori della GT86 potranno provare dato che nel prezzo della GT86 Limited Edition è compreso un corso di pilotaggio GT86 Academy oltre alla Forever Card GT86 (un trattamento dedicato in assistenza) e la GT86 Academy card che permetterà di accedere ai corsi di guida successivi con una particolare scontistica. Un motivo in più per migliorare, in tutta sicurezza, le proprie capacità di guida e mettersi alla prova vivendo la passione per l’automobile fino in fondo.

LEGGI ANCHE

Toyota GT86 Limited Edition: sportiva esclusiva per veri appassionati

I prezzi della Toyota GT86 

Toyota C-HR: foto live dal Salone di Parigi 2014 del concept

Toyota Yaris Hybrid test drive: un viaggio “ibrido” da Milano a Parigi

Nuova Toyota Aygo: prezzi, foto e prova su strada della city car

Toyota ibrida: quando il motore a benzina diventa un surplus

Nuova Toyota C-HR: l’ibrido solido ed elegante