La Toro Rosso sembra aver intrapreso un cammino tutto nuovo e molto delicato che consiste nella progressiva sostituzione di alcuni suoi personaggi di punta. Decisioni che probabilmente arrivano dall’alto, dalla casa madre Red Bull e che sono legate agli scarsi risultati. 

La casa automobilistica di Faenza, la Toro Rosso di via Spallanzani, sta vivendo un periodo un po’ complicato. I risultati della squadra tardano ad arrivare anche se in occasione del gran premio di Spa i due piloti ufficiali si sono messi in evidenza.

Fatto sta che la scuderia perde un altro pezzo. Dopo la questione delle “ferie” del direttore tecnico del team, Giorgio Ascanelli, si è ripetuta una storia analoga con Nicolò Petrucci, che è il capo del settore aerodinamico. La squadra ribadisce che in nessuno dei due casi si può parlare di licenziamento.

E nessuno, in effetti, ha voglia di parlare, nessun componente della squadra. Tutti confermano la versione ufficiale delle ferie anche se si sa che dall’alto stanno valutando la resa della STR7, una monoposto che sembrava molto promettente all’inizio della stagione, ma che fatica ad esprimersi a dovere.

In più sembra che a Faenza stia per arrivare James Key, benché anche questa notizia non sia stata ancora corredata da una comunicazione ufficiale.