Se in Inghilterra Top Gear è allo sbando, per via della cacciata di Clarkson  ed il conseguente abbandono degli altri conduttori storici, in Italia si prepara al debutto televisivo, previsto per marzo 2016, con Joe Bastianich e Guido Meda.

Infatti, il volto noto di Masterchef, con la sua nuova etichetta, si preoccuperà di mettere in produzione il programma televisivo più apprezzato dagli appassionati di auto. La notizia è arrivata durante un’intervista a Radio Deejay, che ha permesso di svelare anche il nome del secondo conduttore, Guido Meda, da sempre legato al mondo delle due ruote ed alle imprese di Valentino Rossi.

Ancora non si conosce la terza figura che farà parte del programma, per cui c’è ancora una sorta di mistero sul personaggio, visto che non è detto che, necessariamente venga pescato dal mondo dei motori. Certo, la verve di Guido Meda, è ormai conosciuta e apprezzata dagli appassionati delle due ruote, visto che è tornato ad essere la voce del MotoGP, mentre Bastianich è entrato nelle case degli italiani dalla porta della cucina, ma ha una passione importante per la Ducati.

Il programma sarà schietto e diretto come sempre, per cui ci saranno molte case costruttrici che storceranno il naso di fronte al modo di raccontare il prodotto nello stile di Clarkson. Per questo Joe Bastianic ha affermato: “la condizione principale affinché si realizzasse questo format era quella di dire le cose come stanno, senza peli sulla lingua. Dovessimo parlare male di Fiat lo faremmo. Magari ci cacceranno dall’Italia! Chi lo sa? Vedremo”.

Parole che non lasciano spazio alle interpretazioni e che indicano una linea di condotta decisamente spregiudicata, in perfetta sintonia con il programma originale. Chissà se ci saranno le stranezze della serie andata in scena in USA, o se la declinazione italiana di Top Gear si distinguerà per una maggiore eleganza dei contenuti?

Ci vorranno ancora diversi mesi per scoprirlo, di sicuro Bastianich dopo Masterchef ed il suo programma sulla musica, ci ha preso gusto a realizzare format televisivi e adesso va a cimentarsi con un argomento sentito in Italia, che lo esporrà al giudizio severo degli spettatori. Potrebbe essere un rischio, o magari, come grida Meda durante le telecronache della MotoGP, salteremo tutti sul divano.