A quanto pare, la vicenda legata al licenziamento di Jeremy Clarkson non sembra essersi conclusa, in quanto il programma simbolo per tutti gli appassionati di motori, ovvero Top Gear, sarebbe a rischio, vista la possibilità che anche James May e Richard Hammond abbandonino la serie.

Secondo delle fonti vicine ai due conduttori, la possibilità che gli stessi seguano la via tracciata da Clarkson, appare più che concreta. Dopo tutto, i tre sono sempre stati molto affiatati e lo spirito di solidarietà sembra prevalere su una vicenda che, per quanto discutibile, ha influito in modo sostanziale sul loro ambiente lavorativo.

In particolare, James May, considera il trio come un unico pacchetto, mentre Hammond pare che abbia dichiarato, nelle ore successive all’allontanamento di Clarkson che si è arrivati alla fine di un ciclo. Ma non è tutto, i due starebbero valutando l’ipotesi di non rinnovare i loro contratti con la BBC, in scadenza alla fine del prossimo mese, questo secondo alcune fonti vicine ai personaggi in questione.

In pratica, prima della rissa che avrebbe causato il licenziamento di Clarkson, sarebbe stato offerto al trio un rinnovo per altri tre anni, che, a questo punto sia Hammond che May potrebbero non onorare. Inoltre, i due si sarebbero rifiutati di registrare le parti mancanti, quelle in studio, degli ultimi 3 episodi della serie numero 22, anche se un rapporto risalente alla scorsa settimana avrebbe comunicato che la serie andrà in onda fino alla fine.

Insomma, la vicenda non sembra essersi conclusa, perché in gioco c’è il futuro di un programma vincente, che ha fatto tendenza, e che possiede un numero di seguaci difficile da ignorare. Così, il braccio di ferro tra la BBC, dall’atteggiamento intransigente e determinato, ed Hammond e May, è destinato a durare ancora per molto. Per cui non rimane che attendere ulteriori sviluppi di una vicenda tanto spiacevole quanto discutibile e subito balzata agli onori della cronaca.