Durante la presentazione del TomTom Traffic Index 2014, è emerso un dato interessante lontano dall’immaginario collettivo: secondo TomTom i i percorsi alternativi scelti quotidianamente dagli automobilisti per evitare il traffico provocano un aumento di ben il 50% dei tempi di viaggio. I dati hanno dimostrato che la congestione del traffico sulle strade secondarie è peggiore rispetto a quella rilevata sulle strade principali, e i pendolari di tutto il mondo spendono in media 8 giorni lavorativi ogni anno bloccati nel traffico.

“Il problema del congestionamento stradale non rappresenta una novità ma è, sempre più, una vera e propria sfida globale - afferma Luca Tammaccaro, Vice President TomTom Italy & SEE - . Le risposte tradizionali, come la costruzione di nuove strade o la scelta di ampliare quelle già esistenti, non sembrano più essere efficaci. Le informazioni sul traffico in tempo reale possono aiutare gli automobilisti a trovare il percorso più rapido per raggiungere la propria destinazione, supportando gli enti governativi nel prendere le decisioni più intelligenti al fine di migliorare il flusso del traffico nelle loro città”.

Il TomTom Traffic Index, oltre a stilare la classifica delle città più trafficate, rappresenta l’unica misurazione effettuata a livello mondiale del traffico confrontando i tempi di percorrenza nelle ore in cui la viabilità è più scorrevole con le ore di punta. I dati sono rilevati direttamente dai veicoli presenti sulla rete stradale, prendendo in considerazione sia i tratti urbani che le strade interurbane. Una rilevazione che rappresenta un grande stimolo verso le nuove sfide che devono affrontare gli enti locali, costantemente alla ricerca di soluzioni al problema del traffico.

A questo link il Traffic Index europeo.

LEGGI ANCHE

TomTom GO gratis per Android 

TomTom festeggia 10 anni

Soddisfatti o rimborsati: nuova campagna di TomTom