Altri due anni di contratto per continuare a vincere. Tom Sykes  ha firmato un accordo che lo lega fino al 20616 al team ufficiale Kawasaki Superbike con cui ha vinto il Mondiale lo scorso anno. Il campione del mondo in carica è ben avviato verso la doppietta visto il primato in classifica con 44 punti di vantaggio su Sylvain Guintoli a soli tre round dal termine (e 150 punti ancora da assegnare). Il pilota inglese è pilota ufficiale della verdona dal 2010: in 151 gare ha conquistato 22 vittorie, 46 podi e 21 giri veloci ma soprattutto ha battutto ogni record di Superpole, ben 23, sottraendo il primato al leggendario Troy Corser.

“Sono entusiasta di aver firmato – ha detto Sykes -. Questo è il mio quinto anno come pilota Kawasaki, il mio quarto anno con il modello attuale, quindi per me è stata una decisione facile. Ho investito così tanto lavoro in questa moto che non vorrei affidare la mia piccola a qualcun altro! Il rapporto con Kawasaki ci dà l’opportunità di continuare a vincere. Tra di noi ci sono rispetto e fiducia reciproci”.

Soddisfazione anche per Guim Roda, Team Manager Kawasaki Racing Team: “E’ un’ottima base di partenza per affrontare il nuovo regolamento nel 2015, e fare un’altra bella stagione nel 2016. Tom conosce la moto e la squadra molto bene e posso garantire che non è ancora arrivato a dimostrare il suo pieno potenziale”. Sfuma dunque l’ipotesi MotoGP per Sykes che tempo fa aveva dichiarato: “Mi piacerebbe vedere cosa posso fare in MotoGP, ho 28 anni e penso che sia il momento giusto” ma alla fine hanno vinto le pressioni della casa giapponese con cui il rapporto è ottimo tranne che con il giovane e attempato Loris Baz.

Con il secondo titolo consecutivo a un passo, Sykes avrà probabilmente rinegoziato il suo contratto (già vicino al milione di euro) verso l’alto continuando personalmente un progetto che può regalare a entrambi ancora parecchie soddisfazioni.

LEGGI ANCHE

SBK Jerez 2013: Tom Sykes campione del mondo

SBK Aragon 2014: il ritorno di Tom Sykes