Ha fatto tappa anche a Parma TIM Guarda Avanti, il progetto promosso da TIM e Ducati per la prevenzione degli incidenti stradali provocati dall’uso improprio del telefonino alla guida. Dopo la presentazione dello scorso dicembre a Borgo Panigale (qui i dettagli), dove sono stati coinvolti il pilota Andrea Iannone e il Direttore Sportivo Ducati Corse, Paolo Ciabatti, l’iniziativa stavolta ha avuto come testimonial d’eccezione Andrea Dovizioso, ha coinvolto oltre 400 studenti del Liceo Scientifico e Musicale “Attilio Bertolucci” e dell’IPSIA “Primo Levi”, con l’obiettivo di sensibilizzarli sui pericoli derivanti da ogni minima distrazione durante la guida.

TIM Guarda Avanti, i ragazzi testano sul campo

I ragazzi, tutti in età da patentino, hanno potuto confrontarsi sul tema con il grande campione utilizzando anche tecnologie d’avanguardia capaci di testare la loro percezione del rischio e la capacità di concentrazione alla guida. Gli studenti hanno sperimentato, con l’ausilio di visori immersivi per la realtà virtuale a 360°, i pericoli derivanti dalla distrazione dovuta all’uso di smartphone e, per misurare la loro l’effettiva capacità a mantenere lo sguardo fisso sulla strada, hanno utilizzato totem dotati della tecnologia eye-tracking, capace di monitorare il movimento degli occhi di fronte ad una strada in scorrimento. A tutti i partecipanti, alunni e professori è stato inoltre affidato il compito di sensibilizzare sul tema amici e genitori anche attraverso i social con l’hashtag #guardaavanti che sta già coinvolgendo piloti della MotoGP, giornalisti sportivi e volti noti del mondo delle due ruote come Dovizioso, Iannone, ma anche Alex De Angelis, Carlo Pernat e Nico Cereghini.

TIM Guarda Avanti, anche in calcio e volley

“TIM Guarda Avanti è un progetto molto bello e soprattutto utile - ha dichiarato Dovizioso -. È evidente come la distrazione alla guida sia purtroppo un problema molto diffuso. Sono davvero orgoglioso di far parte di questa importante iniziativa e mi auguro che possa avere con i giovani i risultati che tutti speriamo”. Gli fa eco Cristiano Habetswallner, responsabile Sponsorship di Telecom Italia: “L’uso improprio del cellulare è riconosciuto come la prima causa di distrazione alla guida. Gran parte degli incidenti anche di moto sono dovuti a questo. TIM è da sempre molto vicina ai giovani e alla loro crescita, con questo progetto realizzato con Ducati e con altre iniziative come la Junior TIM Cup e la Volley TIM Cup”. Tutte le attività del progetto di TIM Guarda Avanti, che coinvolge gli istituti di 20 città italiane, potranno essere seguite a questo link e sui social con l’hashtag #guardaavanti.