Nell’ambito del programma internazionale Eurotest, i vari Automobile Club presenti in Europa hanno messo sotto la lente d’ingrandimento il comportamento dei tassisti, cercando di capire quale servizio in quale città sia il servizio ideale.Il risultato dell’indagine degli Automobile Club europei sul servizio taxi nelle maggiori città dell’UE non ha dato buoni risultati. Anzi. Il servizio taxi, in nessuna delle città analizzate, ha ottenuto una valutazione “molto buona”.

Quel che appare evidente è il pessimo stile di guida dei tassisti. Innanzitutto compiono troppe infrazione, poi criticano gli utenti che vogliono avvalersi del servizio per tratte brevi.

Quest’ultima obiezione appare comprensibile se si considera che molti tassisti riescono ad allungare il percorso per raggiungere la meta anche del 2013 per cento rispetto al percorso diretto ed ideale. Operazione che serve ad aumentare il prezzo della corsa.

Oltre alle deviazioni, i tassisti sono specializzati nei passaggi con il rosso al semaforo, nella guida aggressiva con insulti annessi verso gli altri automobilisti, nel superamento dei limiti di velocità fino a 42 chilometri orari più del limite previsto, anche in città.

A livello europeo lo scettro del peggior servizio taxi è stato attribuito a quello della città di Lubiana in Slovenia.

Molto buono non è risultato alcun servizio. Mentre sono sette le città in cui il servizio è buono. Oltre a Berlino, Barcellona, Colonia, Lisbona, Monaco e Parigi, c’è anche Milano. Roma invece è nella categoria dei servizi sufficienti insieme a Bruxelles, Ginevra, Amburgo, Oslo, Rotterdam, Salisburgo, Zagabria e Zurigo.