Ad Aragon, in questi giorni, le squadre impegnate nel motogp stanno ultimando i test sulle due ruote ed è evidente il predominio della Yamaha Factory Racing

Spies e Lorenzo, memori dei risultati ottenuti in Catalogna, hanno cercato di ottenere il massimo delle informazioni anche ad Aragon e si sono confermati i piloti più veloci in assoluto. In particolare si è cercato di mettere a punto il nuovo motore, l’assetto del telaio e la parte elettronica.

Spies, per gran parte della giornata, ha sfrecciato davanti a tutti, solo Lorenzo, il compagno di squadra, è riuscito a metterlo in fila fermando il cronometro sul 1’49”187.

Interessante il terzo posto della Tech3 di Crutchlow e il quarto posto di Dovizioso. Entrambi sono stati ingaggiati da una squadra satellite della Yamaha. E’ fondamentale comunque trovare il miglior set-up per le moto 1000cc, spiega Lorenzo.

Non c’è stata una grande differenza tra i risultati ottenuti a Barcellona e quelli avuti ad Aragon ma i tecnici devono scegliere una direzione sola per continuare a stare davanti. Interessanti anche i tempi di Barbera della Pramac Racing, di Hayden della Ducati e di Bautista che quest’anno corre con la Honda Gresini al posto di Sic.

Anche Rossi è sceso in pista ma soltanto per trovare un feeling con la Ducati.