La Tata Zica è pronta a debuttare all’Auto Expo di Delhi, in India, in programma tra il 4 e il 9 febbraio. Il colosso Tata Motors aveva già pianificato praticamente tutto per un modello destinato a sfidare sul mercato locale city car di successo come Chevrolet Beat, Hyundai i10 o Suzuki Celerio. Ma a poche ore dal lancio si pensa a un cambio last second del nome dell’auto. Il motivo? Semplice! Il nome scelto per la piccola cinque porte sarebbe troppo simile nella pronuncia a quello del famigerato virus Zika e porterebbe connotazioni negative che potrebbero avere ripercussioni sul mercato.

A rivelarlo è stato Charles Riley, corrispondente della CNN dalla capitale indiana, che riferisce come Minari Shah, responsabile della comunicazione corporate di Tata Motors, ha detto che la casa “sta valutando la situazione e presto prenderà una decisione” in merito all’idea di cambiare nome alla vettura nonostante sia solitamente un processo lungo che va dai focus group ai controlli sui possibili copyright. Il nome della Tata Zica era stato scelto quando ancora il problema virus non esisteva e la presentazione ai media in dicembre era avvenuta senza alcun problema.

Il virus portato dalle zanzare sta spaventando il mondo e ha portato l’Organizzazione Mondiale della Sanità a dichiarare l’allarme internazionale e potrebbe essere anche il responsabile di malformazioni, anche cerebrali, nei feti delle donne in gravidanza. Ecco perchè l’immagine negativa del virus Zika potrebbe andare a compromettere il lancio della vettura soprattutto nel mercato indiano, particolarmente sensibile ai problemi delle epidemie portate dalle zanzare.

Possibile che la Tata Zica venga lanciata con questo nome che potrebbe essere però cambiato nelle prossime settimane. Operazione che avrà inevitabili ripercussioni organizzative, di natura economica e sulla campagna di comunicazione ma almeno potrebbe salvare un possibile flop delle vendite: Tata Motors punta molto sulla piccola vettura come dimostra la scelta come testimonial (e brand ambassador) di Lionel Messi.