Il 2014 sarà un nuovo anno di rincari per gli automobilisti italiani, visto che, a partire dal primo Gennaio, i pedaggi autostradali della penisola hanno subito una maggiorazione consistente e generalizzata.

Le tariffe, come si può leggere anche sul ‘Sole 24 Ore‘, sono state ritoccate in base all’accordo raggiunto tra il Ministero dei Trasporti e dell’Economia con le società concessionarie, anche se, queste ultime, richiedevano aumenti ancora maggiori, rispetti a quelli ufficializzati.

Complessivamente, gli automobilisti arriveranno a spendere ai caselli mediamente il 3,9% in più del passato, anche se la situazione varia in base alle singole tratte.

Ecco, dunque l’elenco delle maggiorazioni, in relazione alle singole società autostradali (per ulteriori informazioni consultate il sito autostrade.it):

  • ATIVA (Autostrada Torino Ivrea Val D’Aosta) 0,82%
  • Autostrade per l’Italia 4,43% Brennero 1,63% Brescia-Padova 1,44%
  • Centropadane 8,01%
  • Cisa (A15) 6,26%
  • Autostrada dei Fiori (A10) 2,78%
  • Consorzio autostrade siciliane Messina-Catania 0 Consorzio autostrade siciliane Messina-Palermo 0
  • Autovie Venete 7,17%
  • Milano Serravalle e Milano Tangenziali 4,47%
  • Tangenziale di Napoli 1,89%
  • Rav (Raccordo autostradale Valle d’Aosta) 5,00%
  • Salt (Società Autostrada Ligure Toscana) 3,07%
  • Sat (Società Autostrada Tirrenica) 5,00%
  • Autostrade Meridionali (Sam) 0
  • Satap A4 Tronco Novara est-Milano/Torino-Novara est 5,27%
  • Satap Tronco A21 Torino-Alessandria-Piacenza 1,66%
  • Sav (Autostrade Valdostane) autostrada e raccordo 5,00%
  • Sitaf – Barriera di Bruere 4,23%
  • Sitaf – Barriera di Avigliana 4,31%
  • Sitaf – Barriera di Salberttrand 3,81%
  • Torino-Savona 1,60%
  • Cav-A4 Venezia-Padova Tang. Ovest Mestre e racc. con Aeroporto Marco Polo e Passante Mestre 6,26%
  • Strada dei Parchi (A24-A25) 8,28%
  • Asti-Cuneo

photo credit: bk2000 via photopin cc