Il nome Suzuki Vitara evoca un passato che trova le sue radici negli anni ’80, quando ben presto questo compatto 4×4 divenne un veicolo di tendenza, un fuoristrada bello a vedersi ed abile a destreggiarsi nei percorsi offroad. La prima generazione fu in produzione fino al 1998, lasciando un vuoto fino al 2015, quando i vertici giapponesi di Suzuki pensarono al rilancio di questo grande nome. Oggi abbiamo un nuovo Suzuki Vitara, che è divenuto, grazie alla sua nuova vita, un SUV moderno, compatto, pratico e che soprattutto ama essere guidato anche su strade non battute, grazie alla trazione integrale 4×4 AllGrip. Abbiamo avuto a disposizione per alcuni giorni la Suzuki Vitara 1.6 DDiS 4×4 AllGrip V-Top per scoprire tutti i suoi segreti.

Vitara: un SUV a tutti gli effetti

Esteticamente il nuovo Suzuki Vitara ha cambiato completamente registro rispetto al Gran Vitara del passato. Oggi abbiamo di fronte a noi quello che è un SUV a tutti gli effetti, un mezzo compatto e moderno, che può destreggiarsi abilmente anche nell’ambito urbano. Le dimensioni ci dicono che il nuovo Vitara ha una lunghezza di 4.175 mm, un passo di 2.500 mm e un’altezza di 1.610 mm. Questa scelta degli spazi permette di avere un grande comfort e una discreta praticità, esaltata da un bagagliaio comodo che sviluppa una capienza di 375 litri che possono diventare 1.120 litri con l’abbattimento dello schienale dei sedili posteriori.

Interni: comfort è la parola d’ordine

La Suzuki Vitara della nostra prova si distingue per i suoi interni pregiati e raffinati, essendo essa l’allestimento al top della gamma. La plancia, i pannelli delle porte e il tunnel centrale sono ben rivestiti in pelle, le bocchette dell’aria e il bracciolo centrale non sono da meno. I sedili sono in parte rivestiti in pelle color Copper, alternata alla nera e alla microfibra per la parte centrale; rivestimenti intelligenti che proteggono – differenza della sola pelle – dalla calura estiva che non consente la traspirazione del corpo. L’abitacolo è impreziosito dal climatizzatore automatico, dall’autoradio Bluetooth USB touchscreen da 7” con Mirror-Link, dal navigatore con mappe 3D e dal tetto panoramico Star View, che rende il tutto molto luminoso. Il comfort è l’elemento chiave di questi interni, pur essendo una vettura destinata a target di “fuori stradisti”.

Al volante: in città se la cava bene

Come si può pensare che un SUV si possa muovere con disinvoltura tra le strade cittadine? Si può, perché Suzuki Vitara ne è la dimostrazione tangibile, per merito soprattutto delle sue dimensioni compatte. La sua lunghezza contenuta in appena 4,18 metri la rende di facile gestione anche nelle strade strette o nei parcheggi complicati, inoltre può vantare ampie superfici vetrate, che unite ai sensori davanti e dietro e perfino alla telecamera posteriore, la rendono facile da posteggiare. Le sospensioni sono un po’ rigide, ma fanno il proprio dovere anche sul pavè.

Al volante: brilla anche in fuoristrada

La Suzuki Vitara monta un propulsore 1.6 DDiS da 120 CV a gasolio, che è di origine Fiat. Si tratta di un’unità non troppo vivace, che dà il meglio di sé sotto i 2.000 giri, ma ciò nonostante si fa apprezzare. Nel misto la Vitara ha un buon assetto e uno sterzo sensibile, che la rendono agile e divertente. Il cambio è un sei marce manuale, che risulta pratico e alquanto preciso.

Questo compatto SUV giapponese non disdegna l’essere portato ad affrontare percorsi offroad, dove viene fuori la sua vera natura. La versione della nostra prova era dotata di trazione integrale 4×4 AllGrip, che le permette di affrontare qualunque sentiero non lastricato e qualunque strada polverosa. Il sistema AllGrip ha diverse modalità di selezione: Auto (4×4 che si inserisce automaticamente in caso di perdita di aderenza), Sport (cambia le caratteristiche di risposta dell’acceleratore per ottimizzare le performance del motore), Snow (quattro ruote motrici come impostazione predefinita) e Lock (slittamento limitato dei differenziali con il trasferimento della coppia motrice ai soli pneumatici in presa). Anche se non ha le marce ridotte come la vecchia Vitara, anche la nuova generazione ha un’indole da vero fuoristrada.

Autostrada: sicurezza ad alte velocità

In autostrada la Suzuki Vitara non perde le sue caratteristiche di forza. Infatti l’ottima insonorizzazionee, il buon comparto di sospensioni garantiscono un elevato comfort di bordo. La sensazione che si ha al suo interno è quello di grande stabilità e sicurezza, anche ad alte velocità. I consumi medi sono ottimi (23 chilometri con un litro), e con un pieno di gasolio si riescono a percorrere più di 1.000 chilometri, nonostante una capienza del serbatoio non troppo elevata.

Prezzo

Il prezzo della Suzuki Vitara 1.6 DDiS 4×4 AllGrip V-Top della nostra prova su strada è di 27.400 euro. Un prezzo sicuramente non economico ma che viene giustificato per le ottime dotazioni tecniche che offre e per l’ottima qualità complessiva.