Sono ben sei i nuovi modelli di Suzuki esposti a Eicma. I riflettori sono puntati soprattutto su GSX-S1000 ABS e GSX-S1000F ABS, le due delle principali novità della casa giapponese pensate per gli appassionati più esigenti in termini di performance, tecnologia e stile. La prima è una maxi naked muscolosa mentre la “sorella” F è invece una Super Sport Tourer dotata di una compatta carenatura. Due declinazioni della medesima base tecnica fondata sul motore da 999 cm³ della sportiva GSX-R1000 K5 rivisto per offrire coppia ed erogazione più corposi ai medi regimi con un controllo della trazione elettronico impostabile su tre differenti livelli di intervento (eventualmente disinseribile). Presente anche la V-Strom 650 XT AB, nuova interpretazione della Sport Adventure Tourer Suzuki di media cilindrata. La base tecnica è quella dell’apprezzata bicilindrica V-Strom 650, arricchita di elementi che ne esaltano lo spirito avventuriero. È nuova la carenatura con il becco anteriore ispirato alla mitica DR Big 750 del 1988, e sono nuovi i cerchi ruote a raggi, che conservano le misure di quelli a tre razze ma puntano a garantire un perfetto assorbimento delle asperità su ogni terreno.

GSX-R1000 e Bandit si rinnovano

Novità anche per la maxi supersportiva GSX-R1000, disponibile ora nell’allestimento ABS e grafica Metallic Triton Blue, che ripropone le scelte cromatiche della GSX-RR che segnerà il ritorno ufficiale di Suzuki in MotoGP a partire dal 2015. Confermata la scheda tecnica, che vede protagonista l’esuberante propulsore 4 cilindri in linea da 999 cm³ capace di 185,1 CV e 117 Nm, il sistema S-DMS (Suzuki Drive Mode Selector) con tre modalità di gestione della potenza e la ciclistica da Superbike. A proposito di MotoGP a Eicma non mancherà il prototipo GSX-RR che farà rientro nella top class del Motomondiale. La maxi turistica Bandit GSF1250S ABS viene proposta ora con una accattivante semi-carenatura che si estende fino ai lati del radiatore e amplia l’offerta della serie Bandit affiancando la conosciuta GSF1250F ABS Traveller, con carenatura integrale, borse laterali e bauletto dedicati.

Uno scooter economico e due prototipi

Tra gli scooter sarà in mostra Address, il nuovo scooter a ruote alte user-friendly pensato per gli spostamenti urbani. Il propulsore monocilindrico 4T da 113 cm³ raffreddato ad aria promette consumi da 49 km/l a cui si aggiunge la praticità di un ampio vano sottosella e quella di due cassetti posti nel retroscudo. In tema di prototipi, l’esposizione milanese vedrà protagonisti i modelli Recursion e Burgman Fuel Cell. Il primo rappresenta una moto sportiva con un propulsore bicilindrico in linea di 588 cm³ dotato di turbocompressore: un progetto che come evoluzione in chiave moderna del modello XN85 Turbo del 1983 e si propone con un design raffinato e aggressivo. Burgman Fuel Cell è invece frutto di un impegno ingegneristico rivolto al massimo contenimento dell’impatto ambientale. Lo scooter adotta una propulsione elettrica alimentata con evolute celle a combustibile, elementi che generano corrente grazie a una reazione chimica tra idrogeno e ossigeno, e che come gas di scarico producono solo vapore acqueo.

Test ride della gamma e una nuova partnership

Nelle aree esterne del Motolive, gli appassionati potranno salire in sella a numerosi modelli della gamma come GSR750, Gladius ABS e V-Strom 650 ABS. Per gli amanti dello scooter si povrà provare l’iconico Burgman 400 e i fratelli minori Burgman 125 ABS e 200 ABS. Grazie alla collaborazione dello staff di Donneinsella, sono attese per i test anche neofite e principianti. A Eicma è stata presentata inoltre la partnership tra Suzuki e la Dueruote Academy: l’obiettivo si riassume nella volontà della casa giapponese di far convergere divertimento e massima sicurezza alla guida, due pilastri fondamentali del percorso progettuale e evolutivo dei modelli di Hamamatsu. L’utente sarà accompagnato attraverso un percorso formativo per imparare a sfruttare in assoluta sicurezza la sua moto e acquisire il background necessario a affrontare ogni situazione di guida con rinnovata consapevolezza.

LEGGI ANCHE

Suzuki V-Strom 1000 ABS 2014: 10 motivi per cui sceglierla

Suzuki S-Cross prova: prestazioni e sicurezza a un prezzo invitante

Nuova Suzuki Vitara 2015

Suzuki S-Cross 2014: il test drive di Leonardo.it