Nella Formula 1 le gomme rivestono un ruolo fondamentale. Dall’usura delle gomme infatti dipendono anche le performance di molte vetture che da Singapore in poi lavorano molto sull’aerodinamica e sul peso delle monoposto in vista del consumo di carburante.Il direttore della Motorsport Pirelli che ha vinto la fornitura di pneumatici anche per i prossimi due anni, ha dichiarato che il prossimo appuntamento automobilistico sarà memorabile e sicuramente si riferiva alla particolarità del tracciato.

Il GP di Suzuka, infatti, è pieno di curve che metteranno sotto pressione macchine e piloti costretti spesso a fermarsi per rimettere in sesto la vettura.

Tra le curve più famose di Suzuka ci sono la Spoon e la 130R.

Le mescole che saranno portate all’appuntamento giapponese sono quelle a mescola media, le P Zero White e quelle a mescola soft, le P Zero Yellow. Anche a Spa in Belgio e a Monza in Italia, la stessa combinazione di pneumatici è stata determinante.

Sotto l’aspetto gomme, Suzuka è assimilabile ai circuiti precedenti.

A livello di tenuta, le mescole scelte dovrebbero garantire grip e durata.

Così ai piloti e ai loro team rimane solo la scelta della strategia da adottare in pista riguardo numero di soste per carburanti e pit-stop.