Il Gran Premio del Giappone non ha dato soltanto filo da torcere ai piloti, almeno fino a questo momento, ma ha impegnato subito anche i giudici, chiamati a definire una serie di situazioni delicate e particolari. 

In primo luogo riportiamo la vicenda di Vettel della Red Bull che in Giappone ha conquistato la pole position ma ha rischiato di perderla subito dopo. E’ stato infatti accusato di aver ostacolato il campione del mondo in carica, Fernando Alonso, nella Chicane Triangle. Vettel è praticamente rimasto in traiettoria prima di lasciare spazio allo spagnolo.

I giudici non hanno giudicato questa mossa troppo irregolare e infatti il pole man di giornata se l’è cavata con un ammonimento.

Sotto esame anche le prove di Grosjean, Perez e Kobayashi che sono stati altrettanto graziati. E’ andata bene soprattutto al pilota giapponese che nel tratto interessato dalla caution ha dimostrato di non aver acquistato vantaggio ma di essersi affidato al resto del giro.

Di certo la giornata non è rimasta assolutamente senza penalità, visto che è stato punito Vergne della Toro Rosso per aver ostacolato Bruno Senna durante la prima sessione di qualifiche. Sulla griglia di partenza, quindi, il francese non partirà dalla 17esima ma dalla 20esima posizione.

Sempre nelle prove libere Pic ha ostacolato Hamilton e per questo se l’è cavata con un ammonimento e con una multa da 5000 euro.