Silverstone è un circuito di cui quest’anno abbiamo già sentito parlare ma nell’ambito della Formula 1, un po’ per le modifiche al regolamento volute dalla Fia, un po’ per la vittoria di Alonso che sembrava lanciato all’inseguimento di Vettel. Oggi invece consideriamo il circuito Superbike.

È sempre Silverstone la grande protagonista, o meglio i piloti che girano sul circuito. Analizziamo insieme le performance dei primi tre classificati nella competizione delle Superbike.

Il primo di cui dobbiamo assolutamente parlare è Carlos Checa a cui va il massimo dei voti e tutti i complimenti degli spettatori. Non ha brillato nella Superpole ma ha saputo imporsi nella gara principale, lasciando i colleghi con un palmo di naso. È lanciato verso la conquista del titolo iridato ma non pensa ancora ai festeggiamenti. Umile e bravo.

È la volta di Laverty che a casa ci teneva a far bene e non si può dire che abbia deluso i suoi fan. Dopo Monza, torna finalmente sul podio, imponendo ritmo e donando vivacità alla gara. Il suo brio ne fa un indiscusso campione nonostante la giovane età. Un bel nove ci sta tutto.

Terzo ma non meno importante degli altri è Marco Melandri che rimedia due posti sul podio e consolida il suo posto nella classifica iridata. La stagione non sembra andargli al genio ma in ogni gara riesce ancora a difendersi dai colleghi e a distinguersi da chi, pur lottando, resta a metà della classifica. Otto.