La febbre da gara non passa, anche se hai più di 40 anni, ne sa qualcosa Max Biaggi, che il 21 giugno è voluto tornare in sella all’Aprilia RSV4, in Superbike, per un appuntamento mondiale. Ebbene, l’epilogo delle due manche è stato così soddisfacente che il Corsaro ha deciso di replicare l’esperienza.

Quindi il 2 agosto correrà in Malesia, sempre con la Casa di Noale, e l’obiettivo è quello di migliorare i due sesti posti maturati a Misano. Certo, non sarà facile, ma a quanto pare il campione romano ha capito di avere ancora il potenziale per lottare per le posizioni che contano.

Certo, adesso che si è tolto la ruggine di dosso, e che ha fornito ai tecnici le indicazioni per riportare al top la RSV4, tutti si aspettano che faccia grandi cose a Sepang, e siamo sicuri che gli altri piloti non lo guarderanno con curiosità, ma come un avversario da temere in ogni istante della gara.

“La wild card di Misano, ha spiegato Biaggi, è stata una cosa molto bella, una grande manifestazione di affetto e di passione da parte di tutti gli amanti del motociclismo. Neanche io immaginavo la partecipazione e il coinvolgimento che ha saputo suscitare. Ed è stato per me anche un bel momento di sport, in tutto il weekend ho vissuto dei gran momenti in pista, mi riferisco in particolare al venerdì e alle due gare, specie la seconda. Tutto questo ci ha spinto a… non lasciare il lavoro a metà. Ma non nascondo che la vera impresa è trovare le motivazioni forti per cogliere anche la nuova occasione di Sepang, una pista dalla quale manco da tanti anni e sulla quale non ho mai corso con la Superbike. Dunque non sarà facile ripetersi ai livelli di Misano ma il bello di questo ritorno è anche quello di affrontare sfide difficili. Ce la metteremo tutta per farci trovare pronti”.