Stoner sembra combattuto. Non vede l’ora di riabbracciare i compagni di squadra e tornare in pista per regalare qualche buon piazzamento alla Honda, allo stesso tempo, però, non riesce a rassegnarsi al fatto che è stato escluso dalla lotta al titolo iridato. 

In genere, prima delle prove libere, i piloti che stanno per scendere in pista, si cimentano in una serie di dichiarazioni, parole che poi influenzano e fanno chiacchierare e discutere per tutto il week-end. A Motegi sicuramente ci sarà da divertirsi visto che torna in pista Stoner. 

Per il titolo iridato la battaglia sarà accesa tra Dani Pedrosa, reduce da una serie positiva di successi, tre nelle ultime quattro gare. Lo spagnolo desidera ridurre il gap che lo separa da Lorenzo per sperare ancora in una vittoria iridata. Forse avrebbe bisogno dell’aiuto di Stoner.

L’australiano, però, ai microfoni dei giornalisti, su Motegi dichiara quanto segue:

Tutti mi hanno chiesto come sono andate le vacanze a casa, ma di tutto si è trattato meno che di vacanze – mette in chiaro l’australiano – Devi stare fermo e non puoi fare assolutamente nulla, anche allenarsi era difficile. Ovviamente è bello tornare, non era il modo migliore finire la mia carriera saltando gare e non correndo per il campionato. E’ un risultato che ci ha deluso ma abbiamo fatto il massimo fino a quando è stato possibile. Mi sento bene e domani vedremo come andrà con la moto. Sarà dura il primo giorno dopo tanto tempo senza moto.

Ma darà una mano a Pedrosa?

La HRC non mi ha chiesto nulla e non penso che lo farà. Ho sempre detto che i titoli vanno vinti da soli.