Stoner e Lorenzo sono una coppia fantastica, non smettono mai di rincorrersi e non smettono mai di dare spettacolo.

Anche nelle prove libere mostrano i denti. Ma la pole parla chiaro. Il più veloce è Stoner. Dietro di lui Pedrosa, Spies e poi Lorenzo, seguito da Dovizioso e Sic.Le prove libere e le qualificazioni hanno svelato tutta la potenza del pilota australiano che sta costruendo pian piano il suo titolo con una minuzia da campione.

Otto centesimi è il minigap da recuperare in pista alla vigilia della gara.

Eppure mentre Stoner sembra tranquillo e riposato alla fine del week-end, Lorenzo al contrario appare in affanno, non abbastanza tranquillo per disputare al meglio il GP di Aragon.

Dalla sua Jorge ha la nazionalità e quindi il fatto di giocare in casa con un pubblico pronto ad applaudirlo.

Probabilmente non basta. Il maiorchino è davvero stremato, perché spettatore come gli altri dello Stoner show.

Lorenzo ha problemi con il grip della ruota posteriore e lamenta la mancanza di una trazione che gli assicuri maggiore velocità.

La Yamaha si vede, ma è quella di Spies. Più in luce di Lorenzo anche alcuni piloti che non si vedono mai ai vertici, per esempio Puniet della Pramac Ducati e Bautista della Suzuki.