Le nuove Opel Insignia e Opel Meriva sono molto richieste sul mercato con rispettivamente 115.000 ordini e 50.000 ordini ricevuti in pochi mesi. Un successo decretato dalle motorizzazioni e dai sistemi di infotainment avanzati ma anche, probabilmente, dalla possibilità di viaggiare comodamente soprattutto per guidatore e passeggero anteriore. L’organizzazione tedesca per la salute posturale AGR (Aktion Gesunder Rücken e.V.) ha infatti certificato i sedili ergonomici premium Opel per la loro eccellente posizione di seduta e il massimo comfort per la schiena.

Opel è il primo costruttore generalista a ricevere il marchio di qualità AGR per i propri sedili. Per ottenere questo risultato è necessario soddisfare quattro criteri fondamentali: sostegno lombare in quattro direzioni (avanti, indietro, in alto e in basso), inclinazione del cuscino, regolazione della lunghezza del cuscino e sostegno anatomico con imbottiture laterali contenitive. In poche parole, i due terzi del corpo di una persona dovrebbero essere in contatto con il sedile per evitare punti di pressione che si traducono in dolori e scomodità. Non per niente l’ingegnerizzazione dei sedili costituisce circa il 10% dei costi di produzione di un’automobile.

I sedili Opel sono il risultato di oltre una decina di anni di lavoro e stretta collaborazione con AGR, i cui esperti si occupano della prevenzione dei problemi posturali, e sono disponibili a richiesta per molti modelli Opel come Insignia, Meriva, Zafira Tourer, Astra, Mokka e Cascada: “Oggi i nostri sedili sono fatti per adattarsi a persone di qualsiasi taglia e dimensione, alti, bassi, grassi, magri. E questo è fondamentale per ridurre la stanchezza durante i viaggi brevi o lunghi – ha dichiarato Andrew Leuchtmann, Senior Manager GM Interiors, responsabile dell’ingegnerizzazione dei sedili -. La struttura di un sedile è piuttosto complessa: dobbiamo tenere in considerazione la composizione della schiuma, l’elettronica, i dispositivi di sicurezza, i poggiatesta e tanti altri fattori”.

Una delle funzioni più complesse è tenere chi è seduto al caldo o al fresco, a seconda delle condizioni meteorologiche: “La climatizzazione del sedile è molto importante, ed è necessario garantire l’eliminazione dell’umidità. Canali integrati rendono i tessuti traspiranti ed eliminano l’umidità. Nei sedili ventilati sono inseriti piccoli ventilatori che riescono a mantenere i passeggeri freschi e all’asciutto”. Sviluppati internamente tenendo in considerazione soprattutto l’aspetto della sicurezza, i sedili hanno una dotazione che comprende airbag, sensori di seduta e tensionatori delle cinture di sicurezza. 

LEGGI ANCHE

Opel Mokka 1.4 Turbo GPL Tech: prezzo, foto e prova

Opel Zafira Tourer 1.6 CDTI: versione da 120Cv

Opel Astra record di velocità: diesel a tutta forza