Dopo Tivoli, arriva sul mercato SsangYong XLV che ha fatto il suo debutto al Salone di Ginevra. Il primo Crossover Wagon della casa coreana si pone l’obiettivo di ripetere il successo del fratellino, il più venduto tra i nuovi modelli del brand con circa 64.000 esemplari in tutto il mondo.

XLV è infatti l’espressione del concetto “eXtra Lifestyle Vehicle”, un progetto che nasce come Crossover Wagon o SUV multifunzione, e con la sua lunghezza maggiorata offre uno spazio di carico e un’abitacolo più ampio per avere maggiore praticità. Infatti è basato sulla stessa piattaforma e sul passo da 2.600 mm di Tivoli e presenta una carrozzeria posteriore più lunga. SsangYong XLV misura 238 mm in più rispetto al modello standard e offre 720 litri di spazio di carico. I tratti stilistici che contraddistinguono Tivoli sono rimasti, come il design della scocca, il look e la linea del tetto “sospesa” all’insegna di una soluzione multifunzione pensata per una vasta gamma di clienti.

Le motorizzazioni disponibili su SsangYong XLV sono un diesel 1.6 e un benzina 1.6 e benzina GPL, tutti Euro 6. Il motore benzina e-XGi160 di nuova concezione sviluppa una potenza massima di 128 CV/6.000 giri/min con una coppia massima di 160 Nm/4.600 giri/min mentre il diesel e-XDi160 Euro 6 con il turbocompressore E-VGT di quinta generazione eroga una potenza massima pari a 115 CV/3.400 – 4.000 giri/min con una coppia di 300 Nm/1.500 – 2.500 giri/min. I livelli di emissioni di CO2 del diesel 1.6 sono di 117 g/km (versione due ruote motrici con cambio manuale) mentre quelli dell’unità benzina 1.6 sono pari a 159 g/km. SsangYong XLV offre la possibilità di scegliere fra otto diversi colori per gli esterni, ulteriormente personalizzabili con tinte bicolore per carrozzeria e tetto, all’insegna dello stile e dell’originalità. Per gli interni, oltre al tessuto, si può scegliere fra pelle beige e nero.

Per la trasmissione il cambio manuale a 6 marce e un cambio automatico Aisin a 6 rapporti che comporta un sovrapprezzo di 1.800 euro, stesso listino per la trazione integrale: basata un sistema on-demand a controllo elettronico, distribuisce la coppia motrice agli alberi di trasmissione anteriore e posteriore, regolandola automaticamente a seconda della superficie stradale e delle condizioni di guida. La versione XVL 4×4 monta sospensioni posteriori multi-link con opzione lock (50:50).

SsangYong XLV può essere dotato di sette airbag, anteriori, laterali e a tendina, oltre, su alcune versioni, quello per le ginocchia lato guida. Presente il programma ESP (Electronic Stability Program), il sistema di protezione attiva antiribaltamento A.R.P. (Active Rollover Protection), i dispositivi di assistenza alla frenata B.A.S. (Break Assist System) e alle partenze in salita H.S.A. (Hill Start Assist), di discesa H.B-A. (Hill Break Assist) e quello di segnalazione delle frenate di emergenza ESS (Emergency Stop Signal).

SsangYong XLV è proposta principalmente in tre allestimenti (Start, Go e Be) mentre i diesel presentano ulteriori varianti più ricche, come per esempio la Limited e la Visual. La dotazione di serie della versione d’ingresso comprende, tra le altre cose, sei airbag, lo stereo, il climatizzatore manuale, le luci diurne a Led e il cruise control. Disponibili come equipaggiamenti aggiuntivi i sensori di parcheggio anteriori e posteriori, indicatori di direzione one-touch a triplo segnale, tergi/lavacristallo automatico one-touch, tergicristalli con sensore di pioggia, fari ad attivazione automatica e specchietto retrovisore interno elettrocromatico.

SsangYong XLV è in fase di commercializzazione in tutta Europa e nel resto del mondo. Il prezzo parte da 18.450 euro per la versione Benzina 1.6 Start per arrivare ai 26.750 euro della Diesel 1.6 Limited Visual. Il cuore della gamma sarà la turbodiesel 2WD Be, proposta in listino a un prezzo di 23.400 euro. Per il lancio lo sconto incondizionato su ogni versione sarà di 2.000 euro.