Sports Ride Concept è il nuovo concept presentato dalla Yamaha al Salone di Tokyo. Un prototipo unico in cui sono state abbinate le classiche linee delle auto da corsa con la guida coinvolgente tipica delle moto. Per ora è solo di uno studio, hanno sottolineato dalla casa di Iwata, ma la realizzazione dello Sports Ride Concept su una cellula modulare comune alla citycar Motiv, presentato durante il Tokyo Motor Show 2013, e che sia già stata prefigurata la possibile applicazione di uno sport utility, lascia immaginare che il progetto abbia preso in esame la possibilità di produrre.

Come per Motiv, il concept è stato realizzato con iStream, un processo sviluppato da Gordon Murray Design Limited e derivato dalle tecnologie impiegate nella Formula 1. Il processo assicura leggerezza e grande rigidità alla vettura, proprio come per le monoposto del circus. A una cellula centrale ad alta resistenza, sono abbinati elementi tubolari strutturali per un’elevata flessibilità progettuale e per enfatizzare le performance alla guida. Lunga 3,9 metri, larga 1,72 e alta 1,17 metri, la coupé a due posti della casa giapponese dispone di una trazione posteriore e di una distribuzione dei pesi ottimizzata fra i due assi.

Dallo Sports Ride Concept, grazie alla variazione di alcuni elementi, si può creare la struttura di una citycar o di un SUV. Come ospita gli organi meccanici di un veicolo a benzina, il prototipo potrebbe essere dotato in futuro anche di un propulsore ibrido o puramente elettrico. Il prototipo è stato progettato per esprimere una stretta interconnessione tra l’uomo e la macchina, una ricerca della perfetta sintonia con il mondo delle due ruote. Al Salone di Tokyo, Yamaha espone sei anteprime mondiali tra cui un robot umanoide alla guida di una moto, lo Yamaha Motobot.