Sembra il titolo di un film per ragazzi, I sogni di Button, un film che racconta le aspirazioni di un “vecchio” pilota che prima di abbandonare i circuiti internazionali vuole assolutamente coronare i suoi due sogni nel cassetto. Ecco cosa vuole veramente il pilota della McLaren. 

Jenson Button, come Felipe Massa, ha attraversato un periodo orrendo in questo campionato di Formula 1, poi si è ripreso ed è anche salito sul podio, complice il nuovo pacchetto EVO rilasciato dalla McLaren. Adesso però, mentre tutti parlano di rinnovo del contratto, Button svela i suoi desideri profondi.

Jenson Button ha osservato quel che è successo a Kimi Raikkonen e a Michael Schumacher: si sono allontanati dal Circus per poi tornare dopo poco a correre, qualcuno provando ancora l’emozione di salire sul podio.

Button invece non sogna un ritorno in grande stile, preferisce invece continuare a restare in pista per vincere un altro titolo iridato, magari con un successo riportato nel magnifico circuito di Londra. Stando agli accordi siglati con la McLaren, dovrebbe correre fino al 2014. Nell’intervista rilasciata al Daily Mail spiega:

La G-Force, nelle curve veloci, è come se ti volesse strappare la testa. In frenata ci si sente come se la pelle venisse tirata fuori dal corpo. Sudo così tanto durante una gara che perdo tre litri di liquidi. L’adrenalina è tale che il mio cuore batte 150 pulsazioni al minuto. L’esperienza è come nient’altro sulla terra.