Il video dell’incidente che ha determinato la morte di Marco Simoncelli, hanno fatto il giro del mondo. Dopo qualche ora però, a mente fredda, ha circolato un altro contributo sui soccorsi al pilota. Il video dei primi soccorsi in pista per il pilota della Honda Gresini lasciano trasparire la difficoltà degli operatori davanti ad un incidente di così grandi proporzioni. Nell’impatto Sic ha perso il casco ed è stato travolto da due moto.

Anche solo guardando quel replay era chiaro che i soccorsi sarebbero stati inutili. Eppure per 45 minuti i medici nella Clinica Mobile hanno provato a rianimarlo. Il capo del team sanitario ha però specificato che il pilota è arrivato in arresto cardiocircolatorio e polmonare, tanto che i suoi organi non sono stati donati.

Il padre, dopo aver visto l’incidente dai box, si è fiondato sul ciglio della pista con una piccola moto. Ha osservato i soccorritori che hanno compiuto una leggerezza adesso messa sotto la lente d’ingrandimento.

Il corpo del pilota, infatti, non è stato immobilizzato sulla barella e nel piccolo tragitto dalla pista all’ambulanza, i portantini sono scivolati con la barella e il corpo di Sic.

Immediatamente sono arrivati nelle redazione di Repubblica che ha pubblicato il video, tanti messaggi di protesta nei confronti dei soccorritori.