La Fédération Internationale de l’Automobile, la Fia, ha deciso di equiparare le prestazioni delle macchine durante le gare, facendo in modo che la competizione si fondi sull’abilità dei piloti più che sulle specificità tecniche delle monoposto.

Per questo è stato deciso che il soffiaggio deve essere eliminato, o meglio, a gas chiuso si può “accettare” soltanto un 10% di apertura della farfalla.

Queste novità dovranno essere operative già sul circuito di Silvestone. In questo senso, l’arrivo nella scuderia di Montezemolo dell’ingegnere ex McLaren Rupad Darekar, è provvidenziale: invece che attendere l’arrivo della nuova vettura, si può insistere su quel 10% per migliorare le performance della Ferrari.

L’intervento della Fia, secondo molti esperti, avrebbe dovuto penalizzare le monoposto Red Bull, ma le vittorie di Vettel stanno confermando il contrario. Vettel che ha rubato lo scettro di campione più giovane della storia della F1, all’ormai 26enne Lewis Hamilton.

A livello tecnico, le nuove macchine, per concorrere a Silverstone, dovranno modificare alettoni, deflettori e scarichi. La stabilità delle monoposto in corsa, come effetto dell’applicazione del nuovo regolamento, potrebbe essere compromessa. Fatto sta che non saranno introdotti nuovi apparecchi che necessitano di test. Il tempo stringe, Silverstone si avvicina.