Un guidatore su 5 invia SMS o utilizza i social network mentre è alla guida. E’ questo il dato che emerge dall’indagine a livello globale realizzata dall’osservatorio LeasePlan Mobility Monitor e dall’istituto di ricerca internazionale TNS. Il sondaggio è stato condotto sui conducenti di auto a noleggio a lungo termine in 20 paesi e i numeri a livello italiano sono ancora più allarmanti: sette guidatori su 10 sono al telefono mentre guidano e, non a caso, uno dei principali problemi e cause di incidenti stradali è quello della guida distratta. L’84% dei conducenti che sono stati intervistati è “multitasking” alla guida: il 76% (in maggioranza uomini) dichiara di utilizzare il telefono mentre si trova al volante mentre al secondo posto ci sono quelli che bevono mentre guidano (32%) e al terzo i patiti degli SMS o dei social network (24%).

Da censurare il comportamento dei fumatori visto che la sigaretta alla guida è l’attività principale per il 39% degli intervistati. Solo il 6% delle donne, invece, dichiara di truccarsi mentre è in auto. Fortunatamente promuovere la guida sicura diventa l’obiettivo principale dei responsabili della flotte aziendali e il 50% degli intervistati dichiara che le aziende per cui lavorano si stanno concentrando sempre di più sul tema. Il LeasePlan Mobility Monitor, l’osservatorio internazionale di LeasePlan azienda che opera nel settore del noleggio a lungo termine e gestione delle flotte aziendali, conferma che cresce sempre di più l’interesse da parte dei gestori delle flotte aziendali (fleet manager) nei confronti dei comportamenti dei loro driver, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza e le abitudini alla guida.

“Sensibilizzare il comportamento del conducente è il prossimo step che porterà ad un miglioramento della gestione delle flotte aziendali - ha spiegato Gavin Eagle, direttore commerciale di LeasePlan in Italia -. Abbiamo bisogno di coinvolgere i guidatori per modificare le loro abitudini e per soddisfare gli obiettivi in materia di sicurezza. In quest’ottica abbiamo lanciato già da diversi anni il prodotto SafePlan per supportare le aziende nella riduzione del numero di incidenti e dei costi derivanti e per incoraggiare i driver ad avere un comportamento più responsabile, sviluppando ulteriormente le proprie capacità di guida. Oltre a un kit di sicurezza, il prodotto si compone anche di una accurata reportistica sui sinistri e sui furti, un manuale di guida sicura, consulenza per corsi di guida sicura e l’installazione della clear box (Telematics) per la prevenzione dei rischi e per un controllo ed una ottimizzazione dei costi della flotta”.

LEGGI ANCHE

Sicurezza stradale: le cattive abitudini degli italiani

Sicurezza stradale Nuova Zelanda: il video shock

Sicurezza stradale: Nissan con FIA per abitudini di guida sicure

Sicurezza stradale in Italia: un dramma sociale inesistente