Si affronterà il tema della sicurezza in moto a Refresh, il progetto educativo sulle due ruote. Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo e Accessori) e FMI (Federazione Motociclistica Italiana) hanno presentato il Progetto Nazionale di Formazione alla Guida Sicura Refresh che si inserisce nel quadro della sperimentazione dei corsi di guida sicura avanzata promossa dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, e si integra nella piattaforma di iniziative a favore della sicurezza delle due ruote a motore che ACEM (Associazione Costruttori Europei Motocicli) sta effettuando nei principali paesi europei.

La finalità è sostenere la piena attuazione del progetto “Corsi di Guida Sicura Avanzata” promosso dal Ministero dei Trasporti, che rappresenta una best practice a livello europeo: “La formazione degli utenti è un tassello fondamentale nel contrasto all’incidentalità – ha dichiarato Pier Francesco Caliari, Direttore Generale di Confindustria ANCMA -. Tra le varie attività di Confindustria ANCMA, stiamo portando avanti la campagna di sensibilizzazione “Occhio alle 2 Ruote” con l’obiettivo di accrescere l’attenzione nei confronti degli utenti di moto e bici che sono per natura più vulnerabili”. 

L’attività di formazione non è infatti genericamente rivolta a tutti gli utilizzatori di veicoli a due ruote, ma ritagliata sugli utenti che, pur avendo già maturato una significativa esperienza alla guida di scooter o moto, si ritrovano nella necessità di riprendere dimestichezza con le due ruote e di aggiornarsi rispetto all’evoluzione tecnologica degli stessi veicoli (da qui il nome refresh). Corsi dedicati a chi, pur in possesso di patente B da lungo tempo, sale in sella per la prima volta (con la patente B si possono guidare fino a 125 cc senza aver fatto alcuna esperienza, mentre chi ha acquisito la patente B prima degli anni 90 è abilitato a guidare moto di ogni cilindrata) o a chi torna a guidare la moto dopo lungo tempo. L’obiettivo del corso è quello di rendere un motociclista consapevole della propria vulnerabilità, fargli conoscere le insidie di un manto stradale dissestato, di un guard-rail mal posizionato, e infine di educarlo a manovre “salvavita” in caso di pericolo improvviso.

“In Autodromo negli anni si sono testati tantissimi dispositivi per la sicurezza che sono stati poi applicati sulle strade e da sempre si tengono corsi di guida sicura – spiega Riccardo Tagliabue, Responsabile delle Attività Moto Autodromo Nazionale Monza -. Monza è il ‘tempio della velocità’ ed è riconosciuto a livello internazionale come location di gare e manifestazioni importanti, ma la struttura si presta anche a molte altre iniziative e gli spazi a disposizione sono perfetti anche per  corsi di guida sicura, senza per forza utilizzare la pista. In accordo poi con la FMI saranno sempre presenti Istruttori riconosciuti e professionali, che potranno dare consigli importanti e fondamentali per una guida attenta e sicura a tutti coloro che ne faranno richiesta, infatti saranno organizzate giornate dedicate durante l’anno 2016 e a seguire. Siamo fieri di essere partner di questa iniziativa, che siamo certi porterà più sicurezza sulle nostre strade“.

Il progetto Refresh sulla sicurezza in moto partirà nei giorni 8 e 9 ottobre all’interno dell’Autodromo Nazionale Monza.