Share’NGo e FindMyLost hanno annunciato l’avvio di una collaborazione per gli oggetti smarriti e ritrovati sulle auto del car sharing elettrico tramite la WebApp FindMyLost. Il primo Lost & Found Social e il primo car sharing elettrico a flusso libero, hanno ideato un funzionamento del servizio semplice e veloce, disponibile in italiano e in inglese: quando un utente di Share’Ngo troverà un oggetto smarrito in auto potrà registrarsi gratuitamente alla piattaforma, anche tramite Facebook, caricarne la foto e compilare alcuni campi che ne contraddistinguono le caratteristiche principali, tra cui luogo e data di ritrovamento. A fine giornata gli operatori della logistica di Share’NGo caricheranno a loro volta sulla piattaforma gli oggetti rinvenuti nelle macchine.

Chi avrà perso un oggetto, potrà dunque cercarlo ed entrare in contatto, sempre attraverso il proprio account sul sito, o con l’utente ritrovatore o con la centrale operativa per accordarsi sulle modalità di restituzione. Per ogni oggetto smarrito e restituito al legittimo proprietario tramite la piattaforma, Share’NGo potrà premiare l’impegno dell’utente-ritrovatore, la sua cortesia e la sua onestà con un bonus sotto forma di minuti di guida gratuiti: “La partnership con FindMyLost è per Share’Ngo la cosa più naturale al mondo – ha dichiarato Luca Mortara, Direttore Marketing di Share’NGo. - E’ una iniziativa che aiuteremo a crescere anche perché l’onestà e la cortesia sono tra i nostri valori fondativi, quelli che tutti i giorni promuoviamo tra i nostri equomobilisti”.

L’obiettivo di FindMyLost e Share’NGo è aumentare il tasso di restituzione degli oggetti smarriti e rinvenuti tramite un servizio all’avanguardia ed efficiente, utile nella quotidianità di cittadini e turisti, creando al contempo valore aggiunto per la comunità e le istituzioni: “La partnership con Share’NGo rappresenta il nostro ingresso nel mondo della mobilità - ha detto Elena Bellacicca, CEO & Founder di FindMyLost -. Ogni giorno svariati oggetti vengono dimenticati all’interno delle macchine e prima di oggi non esisteva uno strumento efficiente che permettesse di riottenere il proprio bene con 2 click, inclusa la possibilità di consegna”.

Il servizio è stato lanciato nella versione beta durante Expo Milano 2015 dove sono stati persi e rinvenuti circa 10.000 oggetti e restituiti il 30%. Al momento la piattaforma gestisce circa 37.000 oggetti presenti nel database del Comune di Milano.