Il motociclismo piange uno dei suoi designer più apprezzati. Sergio Robbiano, 48 anni, è scomparso nel pomeriggio di lunedì 30 giugno in seguito a un incidente con la sua moto. Secondo il Secolo XIX lo scontro mortale con un camion è avvenuto sulla provinciale di Laccio, nel comune di Torriglia, in Val Trebbia, e Sergio era in sella alla motocicletta che aveva progettato. Dalle prime ricostruzioni sembra che abbia perso il controllo della due ruote andandosi a schiantare contro il mezzo pesante.

Robbiano era uno degli allievi di Massimo Tamburini, il “genio” della moto italiana, recentemente scomparso in seguito a una lunga malattia. La sua carriera decolla al centro ricerche Cagiva a 25 anni: tra i suoi progetti più importanti la Mito Ev, aggiornamento di una 125 cc tanto desiderata dai teenager negli anni Novanta. Negli stessi anni disegna insieme a Tamburini la Ducati 916, con la casa di Borgo Panigale che all’epoca controllata da Cagiva.

Nel Gennaio 1995 lascia la casa varesina e si mette in proprio fondando un suo studio “robbianodesign” e creando diverse linee per la Bimota, come la 500 V2 , o per la Husqvarna. Autore del design di DB6 Delirio e Bimota DB5 grazie al quale nel 2004 vince il prestigioso Motorcycle Design Award nella categoria Supersport. Per Aprilia propone la supersportiva RSV4 anche se la casa di Noale preferisce un altro progetto. In passato, un altro grave incidente in moto lo aveva costretto a 88 punti di sutura e tre operazioni. Nato a Palermo, viveva a Genova ormai da anni. Tra i suoi successi anche diversi caschi AGV e tute della Spidi.