Il Gran Premio di Monaco è stato importante anche per l’affermazione di un grande campione come Senna che nell’84 si mise in evidenza con una performance brillante sul circuito bagnato. Riviviamo insieme l’emozione. 

Ayrton Senna e Stefan Bellof sono due piloti nati praticamente a Monaco dove nel gran premio dell’84 si distinsero come astri nascenti dell’automobilismo internazionale. Tutta la giornata fu molto strana anche a causa delle condizioni meteo.

Il Circus dovette confrontarsi con la pioggia battente. Nel warm up Niki Lauda fece segnare anche il miglior tempo con una macchina dalle prestazioni molto modeste.

La pioggia battente indusse i piloti a chiedere una serie d’interventi da parte dell’organizzazione: chiesero per esempio che il tunnel fosse bagnato dalle autobotti per migliorare l’aderenza delle monoposto ed evitare sbandamenti.  Che poi di incidenti ce ne furono parecchi.

Uno su tutti quello in cui rimasero coinvolte le due Renault che inseguivano il pole man di giornata, Alain Prost. E mentre quest’ultimo si giocava il podio con Niki Lauda, dietro lo spettacolo era assicurato da un altro duello, quello ingaggiato da Ayrton Senna con Stefan Bellof.

Entrambi questi piloti – partiti dalle ultime posizioni del gruppo – riuscirono ad esprimersi molto bene sul bagnato portandosi anche a distanze ridotte dal capofila.

Peccato per l’interruzione anticipata della gara.