Lo diciamo subito: questo è un articolo per gli appassionati di fai da te che hanno un quad in garage e vogliono divertirsi nella manutenzione di questo particolare strumento. Andiamo con ordine. Abbiamo già spiegato cos’è un quad e qualche piccolo accorgimento per avere una catena sempre in ordine e funzionante. Adesso andiamo nel dettaglio di semiassi, cuffie e giunti omocinetici che abbiamo le sospensioni indipendenti.

Il primo consiglio è quello di controllare lo stato delle cuffiette dopo ogni escursione. Se accertate che si sono rotte potete o chiamare un esperto per la sostituzione o lanciarvi in questa avventura un po’ complessa.

Perché? Per cambiare le cuffiette dovete lavare i giunti omocinetici e cambiare il grasso senza mai usare quello normale ma preferendo quello al bisolfuro di molibdeno.

Se invece vedete che sono soltanto consumate, è meglio che evitate di attraversare un guado prima di averle sostituite, ricordando di lavare e sostituire sempre anche il grasso.

A rigor di logica non superate mai i 3000 chilometri senza aver cambiato le cuffiette. Se non siete tipi da escursioni ma usate il quad in città, il cambio deve essere fatto ogni mille chilometri. Ogni 1000 chilometri è bene anche controllare il livello dell’olio.

Quando rimettete il grasso, infine, occupatevi anche di giunti croce e controllate che non siano rotte o eccessivamente usurate le boccoline in teflon.