Prima uscita fuori dal circuito per la Peugeot 208 T16 Pikes Peak che ha affrontato la salita al Mont Ventoux: “Ho molte più chance di scalarlo in macchina che in bici!” ha dichiarato Sébastien Loeb (qui foto e video della sua prima prova) che con tutta l’equipe Peugeot Sport si è impegnato in un’ultima prova generale prima della partenza per il Colorado. Quando lo sforzo si fa più arduo con l’altitudine, la vegetazione diventa rada e la montagna appare un paesaggio lunare. Gli ultimi sei chilometri – quelli scelti per la sessione di prova – sono mozzafiato. Una scelta già fatta nel 1902, ancora prima che si disputasse la prima edizione della corsa di Pikes Peak, quando le meccaniche più spinte si sono misurate su questa salita.

Il campione francese non nasconde il piacere di ritrovare la 208 su un tracciato verosimile alla corsa più alta del mondo: “E’ importante perché Pikes Peak non ha nulla a che vedere con il percorso scorrevole di una pista. Il quel contesto la vettura è facile da dominare. E’ dunque indispensabile passare a un tracciato più simile a quello che troveremo negli Stati Uniti. Questa strada ne dà un’idea abbastanza precisa. La velocità con cui arrivano le curve è molto più sorprendente che in un circuito, in cui sai che devi frenare davanti al cartello 100 metri. Qui, arrivi in quinta o in sesta, vedi la montagna di fronte e ti chiedi dove devi frenare”. 

Per Jean-Christophe Pailler, il capo del progetto tecnico all’interno di Peugeot, questa è come una prova generale: “Tutti hanno qualcosa da apprendere. Non sono le condizioni estreme di Pikes Peak con i suoi 4.301 metri, ma è una tappa intermedia. Possiamo riscontrare differenze di funzionamento del motore anche se, con i nostri turbo, speriamo che la perdita di potenza dovuta all’altitudine sia molto inferiore rispetto a quella dei nostri avversari“. Prossima tappa il Colorado, per i test che si svolgeranno, per sezioni di percorso, i prossimi 8, 9, 14, 15 e 16 giugno. Sarà l’ultima sessione di test prima di iniziare il programma ufficiale della gara, dal 24 al 30 giugno, quando i piloti andranno alla conquista delle nuvole.