La prima novità Seat per il 2014 è ecologica: si chiama Leon TGI e va a metano. E’ la variante bi-fuel metano-benzina della compatta berlina spagnolo-tedesca.
Presentata al salone di Francoforte (sotto il video live dal Salone) in autunno presto arriverà in Italia e siamo andati a scoprirla a Verona, proprio in casa SEAT presso il gruppo Volkswagen Italia.
Arriviamo in mezzo a una fitta nebbia che si dissolve presto facendoci scoprire una bella giornata di sole, propositiva come una scommessa che sembra già vincente, quella di molte Case automobilistiche che stanno investendo nell’alimentazione a metano, fiduciose di una crescita della richiesta delle vetture con alimentazione bifuel di questo tipo anche in alternativa a quella a GPL.

Oggi Seat (qui la nostra prova di nuova Seat Leon) ha già in listino un modello bi-fuel a metano: la piccola Mii (qui il test drive) e ora hanno scelto di introdurre un secondo modello, la Leon TGI, “per una clientela che macina molti più chilometri rispetto a chi possiede una Mii” come ci spiega Gianpiero Wyhinny, direttore di Seat Italia “ era fondamentale garantire grande autonomia, la Leon TGI offre circa 400 km di autonomia a metano e fino a 900 aggiungendovi quella con la benzina; non si scende a compromessi perché il sistema bi-fuel è perfettamente integrato all’interno del design della vettura e, secondo le nostre previsioni, la Leon a metano verrà scelta dal 20% dei clienti italiani”.

Schermata 2013-12-13 a 11.46.53 (Small)

La Leon TGI 5 porte arriverà sul mercato italiano a marzo 2014 ma noi abbiamo avuto già la possibilità di provarla,quindi saliamo a bordo. Quando pensiamo a una vettura a metano arricciamo sempre il naso per quella strana sensazione associata a un immagine di “lentezza e poca vivacità”: ma non è vero, la TGI con motore 1.4 e con i suoi 110 CV (81 kW) di potenza e una coppia massima di 200 Nm, spinge e convince proprio per un piacere di guida brioso.
Partiamo “a benzina” e poco dopo si passa automaticamente a metano. Notiamo subito infatti che non c’ è il commutatore manuale sulla plancia per cui si può utilizzare la benzina solo dopo aver terminato il metano. Il quattro cilindri, dotato di Start&Stop non trasmette alcuna vibrazione.

Il cambio è un violino, e la TGI si rivela agile e sicura, con uno sterzo pronto, molto silenziosa, confortevole insomma è un’auto degna di nota, con costi di gestione contenuti (la TGI fa registrare un consumo di soli 3,5 kg/100 km di metano, e emissioni di 94 g/km di CO2).
Il metano è contenuto in due bombole della capacità di 15kg poste sotto il vano bagagli, vero si riduce un po’ il bagagliaio ma questo poco importa perchè apprezziamo il suo “feeling” con l’ambiente .
Oggi la gamma Leon si compone di tre diverse varianti di carrozzeria mantenendo la bellezza del design intatta sulla hatchback (due volumi), sulla SC e sulla ST (Station Wagon), senza dimenticare la funzionalità.
La Leon TGI sarà disponibile nelle versioni cinque porte e familiare(ST); il prezzo parte da 22.700 Euro.