I 30 anni sono un traguardo importante e vanno festeggiati adeguatamente, soprattutto se a raggiungere questa soglia non è una persona né un’automobile qualsiasi, ma la Seat Ibiza: uno dei modelli più importanti del marchio spagnolo e tra i più rappresentativi del Segmento B, tanto da essere venduto finora in oltre 5 milioni di esemplari.

Nata nel 1984 dall’estro italiano di Giorgetto Giugiaro (che ha disegnato le prime due generazioni), la Seat Ibiza ha da subito conquistato il pubblico per il suo stile sportivo, per la sua forte personalità e per la grande attenzione alla tecnologia, tutte doti che il modello ha saputo mantenere nelle quattro generazioni succedutesi nel corso di questi primi 30 anni di produzione.

L’importanza della Ibiza spiega il motivo per cui Seat ha deciso di festeggiare il 30esimo compleanno della vettura lanciando qualche tempo fa un divertente concorso che si è trasformato subito in un vero e proprio successo, proprio come l’automobile a cui è dedicato.

L’iniziativa, chiamata “30 cose da fare a 30 anni” e realizzata da Seat in collaborazione con Lowe Pirella, chiedeva al pubblico di dare libero spazio alla fantasia e scrivere sul sito dedicato 30cosedafare.it le cose più stravaganti e originali che si possono fare a 30 anni, con la promessa che l’idea ritenuta più interessante sarebbe stata messa in pratica.

Il concorso è stato chiaramente gradito dagli utenti, al punto da aver raccolto più di 7.000 partecipanti e 5.000 post, portando il sito a superare la soglia delle 220.000 visualizzazioni. A distanza di qualche mese è giunto il momento di decretare l’idea vincitrice che Seat e Lowe Pirella si sono puntualmente impegnati a realizzare.

Il 24enne Daniel Antolini ha così potuto coronare il desiderio di volare fino a Miami, scendere in una delle rinomate spiagge della città in una tenuta decisamente inconsueta e parlare con la gente del posto per dare vita al suo desiderio “spaziale”, come dimostrato dal video pubblicato sul sito 30cosedafare.it e su YouTube. In fondo, come recita il claim della riuscita campagna: i 30 anni capitano una volta sola. Se non lo fai adesso, quando lo fai?

Publiredazionale