Il nuovo scooter Askoll è sbarcato a Milano. Un nome che agli appassionati delle due ruote dirà poco o nulla. Askoll, infatti, non è un costruttore di moto ma uno dei maggiori player del mondo dei motori per elettrodomestici: lavatrici e lavastoviglie delle marche più blasonate montano motori e componenti di questa azienda vicentina. Fondata oltre 35 anni fa, conta 11 stabilimenti e 2500 dipendenti in tutto il mondo che producono circa 300.000 pezzi al giorno. Tra di loro oltre 200 ricercatori lavorano a un centro Ricerca & Innovazione. Proprio l’innovazione – per , unita al calo di vendite nel settore elettrodomestici, è stata la spinta per diversificare la propria attività produttiva. Il know-how maturato è stato trasferito alla realizzazione di tre mezzi di trasporto elettrici, la bicicletta elettrica eB1, lo scooter eS1 e l’auto elettrica eC1. Tutti completamente “made in Italy” dove vengono svolte tutte le fasi, dalla progettazione alla costruzione del motore fino all’assemblaggio finale.

Abbiamo provato lo scooter Askoll eS1 in occasione dell’inaugurazione del primo store Askoll a Milano, in via Pietro Colletta 31, il quattordicesimo dopo Vicenza, Verona, Padova, Bergamo, Boves (Cuneo), Mercenasco (Torino), Mantova, Catania, Pisa, Lucca, Firenze, Bologna e Roma. Frutto del lavoro di un pool di oltre 100 tecnici specializzati, tra cui Paolo Trabuio (20 anni di lavoro nelle principali case motociclistiche italiane) il modello è concepito intorno al motore elettrico brushless ad alta efficienza energetica. Il propulsore presenta una potenza di 1,5 kW, una coppia da 100 Nm e alimentato da due pacchi batteria Panasonic agli ioni di litio con una capacità totale di 2,1 kWh e 8 kg di peso.

L’autonomia minima è fissata a 100 km con un ciclo di ricarica, ma può allungarsi scegliendo a seconda delle tre diverse modalità di viaggio (eco, normal, power). La batteria è comodamente estraibile dal vano sottosella e ricaricabile tramite una semplice presa domestica. La carica completa avviene in circa tre ore ma non è necessario aspettare che sia completamente scarica per attaccarla alla corrente né che sia totalmente carica per staccarla.

Le sospensioni, idraulica sull’anteriore e a tamburo sul posteriore, assicurano una sorprendente stabilità sul pavè e sui percorsi sconnessi mentre gli pneumatici grandi (80/80 16 l’anteriore e 90/80 16 il posteriore), e realizzati con una mescola speciale, garantiscono un’ottima tenuta di strada anche con pieghe accentuate. Grazie al peso di soli 70 kg e a una velocità massima raggiungibile di soli 45 km/h, lo scooter Askoll si arresta in pochi metri riducendo molto il rischio di incidente.

Si mostra particolarmente adatto per i neofiti anche se manca lo spunto che ci si aspetta in città e si impiega qualche secondo a raggiungere la velocità massima ma, per chi non ha fretta e si accontenta di stare sotto i 50 km/h, lo scooter può essere la soluzione ideale per un uso strettamente urbano. Il costo è di 2690 euro chiavi in mano mentre le spese per ogni ciclo di ricarica si aggirano intorno ai 30 centesimi di euro (calcolati in fascia alta, spiegano dall’azienda) mentre i costi dell’assicurazione e delle spese di manutenzione sono abbattuti senza dimenticare la gratuità del bollo per i primi cinque anni e l’accesso gratuito ad Area C o altre ZTL. Con 20 km al giorno, la spesa media calcolata da Askoll è di meno di 20 euro all’anno mentre le emissioni sono di soli 7 g/km di CO2 contro i 70 g/km di uno scooter a benzina (il 90% in meno).

La bicicletta a pedalata assistita presenta invece un motore elettrico brushless. Dotata di computer di bordo, cambio automatico e illuminazione a led, ha un’autonomia di oltre 100 km e consente di spostarsi velocemente nelle aree urbane più grandi con 4 diverse modalità di assistenza. Inoltre l’azienda veneta sta lavorando a una piccola auto elettrica denominata eC1, una microcar con due posti. Lo sviluppo è affidato al progettista della Maserati Quattroporte. Dovrebbe essere guidata con la patente A1, pesare circa 430 chili e con una velocità massima di 90 km/h. L’autonomia è annunciata intorno ai 25 chilometri e il prezzo non dovrebbe superare gli 8.000 euro. E’ attesa sul mercato per il 2016.