Schumacher festeggerà in Belgio i suoi “primi” vent’anni di carriera nella Formula 1.

Tutto è iniziato per caso, quando alla vigilia della competizione nelle Ardenne, il pilota di punta della Jordan, Gachot, è stato arrestato. Al suo posto arriva Schumacher.Il ventenne pilota tedesco si distingue nelle prove libere di Spa, ma la sua gara ufficiale dura soltanto 600 metri a causa di un problema alla frizione che per tempo ed economia la Jordan non poteva risolvere prima della gara.

Flavio Briatore lo adocchia in Belgio e gli basta un GP per portarlo in casa Benetton.

A Monza Schumacher fa parte già del team italiano.

La prima vittoria la ottiene un anno dopo, ancora una volta a Spa, nel 1992. Sempre in Belgio conquisterà i titoli iridati del 1994 e del 1995.

L’anno dopo Schumi cambia ancora casacca e arriva a Maranello dove il titolo mondiale manca dal 1979.

Il pilota tedesco si mette all’opera ma la sua ascesa nell’olimpo della F1 si fa attendere per un infortunio, una sanzione e altri piccoli problemi.

Nel 2000 Schumacher vince il primo di cinque titoli iridati consecutivi riportando la Ferrari alle “vecchie glorie”.

I fan del cavallino l’hanno amato e hanno pianto quando Schumi ha dichiarato di voler lasciare la Formula 1 per dedicarsi alla famiglia.

Più che un addio il suo è stato un arrivederci e dal 2006, anno del rientro, Schumi corre su una Mercedes.