Mentre restano stabili le condizioni di Michael Schumacher dopo l’operazione del 31 dicembre in seguito al gravissimo incidente sugli sci che lo ha ridotto in coma, la sua manager, Sabine Khem, è intervenuta sull’accaduto, precisando: “Non è vero che andava a tutta velocità, l’incidente è stato figlio di una catena di circostanze negative. Mentre sciava in neve fresca, tra due piste facili, in una curva ha messo lo sci su una pietra ed è stato sbalzato in avanti, finendo contro una roccia“. La Khem ha aggiunto che Schumacher (foto by InfoPhoto) non poteva essere veloce in quel punto perché era appena ripartito dopo essersi fermato per aiutare un amico caduto poco prima.

Prego Dio che finisca tutto bene ma purtroppo al momento non sembra così“. E’ una dichiarazione rilasciata da Niki Lauda alla Tv austriaca Orf nella serata del 31 dicembre, sulla sorte di Michael Schumacher. L’ex campione austriaco, ora presidente del team Mercedes di Formula 1 dove Schumacher ha chiuso la carriera nel 2012 dopo il primo ritiro quando lasciò la Ferrari, si è detto molto colpito dalla sorte del tedesco.