Michael Schumacher resta in coma indotto. A Grenoble l’ex pilota di F1 è ancora ricoverato nel reparto di rianimazione e, nella speranza di un suo imminente risveglio, continuano le mobilitazioni e le manifestazioni d’affetto dei suoi tifosi (CLICCA QUI PER LE CONDIZIONI DEL PILOTA TEDESCO). Domenica 26 gennaio il circuito belga di Spa-Francorchamps è stato teatro di una bella iniziativa: dalle 14 fino alle 17  si è svolto un corteo silenzioso di preghiera e sostegno alla quale hanno partecipato circa 600 persone (CLICCA QUI PER FOTO E QUI PER VIDEO). Una marcia di solidarietà sull’asfalto del tracciato per far sentire la propria vicinanza a Schumi.

“Questa marcia ha lo scopo di trasmettere tutta l’energia positiva dei tifosi a Schumacher e alla sua famiglia affinché Michael possa vincere la corsa più importante della sua vita” ha detto l’organizzatrice della manifestazione Heidi Hendrickx. All’invito di portare bandiere, candele e striscioni di solidarietà per l’ex ferrarista la risposta è stata notevole.

Secondo la televisione belga RTL -TVI i tifosi sono arrivati principalmente da Belgio, Francia, Olanda, Inghilterra e Germania. Kerpen, la città dove è nato Schumi si trova a 100 km da Spa, di cui il sette volte campione del mondo è anche cittadino onorario. Il circuito è altamente simbolico per Schumacher  e i suoi tifosi visto che su questa pista il pilota tedesco ha disputato il suo primo Gran Premio di F1 nel 1991 e ha vinto la sua prima gara nel 1992.

LEGGI ANCHE

Presentazione Ferrari 2014 foto: la fotogallery completa della nuova F14-T

Schumacher in coma: la pista di Meribel nel mirino

Schumacher resta in coma: stop alle speculazioni