Ancora spettacolo per la Kawasaki di Tom Sykes. Il pilota britannico è, ormai, diventato uno specialista delle qualifiche del sabato e anche oggi lo ha dimostrato. Quella di oggi è, infatti, la 28esima pole per l’atleta che occupa la seconda posizione in campionato e il 50° centro per il marchio nipponico.

L’obiettivo di Sykes sarà quello di vincere per rimandare, il più possibile, la festa del compagno di squadra Jonathan Rea, davanti al campionato SBK con 125 punti di vantaggio su Sykes. Se Rea dovesse vincere, chiuderebbe il campionato con tre appuntamenti ancora da disputare(Spagna, Francia e Qatar), un evento mai accaduto nella categoria. Non sarà semplice partendo dalla settima posizione, ma al britannico in testa al mondiale bastano 25 punti su 50 a disposizione.

Dietro allo specialista della pole position (Tom Sykes), c’è lo spagnolo Jordi Torres con l’Aprilia e a chiudere la prima fila, in terza posizione, c’è l’Honda di Sylvain Guintoli, campione in carica.

Max Biaggi, alla sua seconda presenza in questa stagione, è in quarta posizione. Lo schieramento della seconda fila si completa con Alex Lowes, in sella alla Suzuki, e Chaz Davies, l’unico ducatista in gara per via dell’infortunio di Giugliano nell’ultimo gran premio.

Il Cannibale Jonathan Rea, ad un passo dalla conquista del Mondiale, è “scivolato” (metaforicamente) in terza fila. La partenza conterà tantissimo ma non sarà facile per il britannico portarsi a casa i 25 punti necessari per conquistare la vittoria del campionato SBK.

SBK Sepang: scontro Badovini-Baiocco

Domani non parteciperà alla gara Ayrton Badovini, il pilota italiano della BMW si è scontrato con Matteo Baiocco, pilota Ducati, cadendo sull’asfalto in maniera pesante e pericolosa. Bandiera rossa, Badovini esce, per fortuna, camminando (gattonando, ndr) da solo, anche se a fatica. Il primo sintomo è stato la perdita della memoria e quindi la decisione è stata quella di portarlo all’Ospedala di Kuala Lumpur. Il pilota non sarà in grado di correre le due gare.