Nel primo gran premio della SBK c’è stato tanto spettacolo e divertimento. Una battaglia, quella tra Jonathan Rea, Leon Haslam e Chaz Davies che dura per tutte e due le gare. Uno spettacolo reso ancor più accattivante dalla guida spregiudicata dei piloti che hanno lottato sin dal primo giro di Gara 1, conclusa con la vittoria, tirata per i capelli, di Jonathan Rea (Kawasaki) che riesce a resistere agli attacchi continui di Haslam. Terzo, con la Ducati, Chaz Davies. In Gara 2 lo spettacolo si ripete ma questa volta è Haslam (Aprilia) a portarsi a casa il bottino più grande, lasciando a Rea la medaglia d’argento e sempre a Chaz Davies la terza piazza. Festeggiano nei box Aprilia, non solo per la vittoria del loro pilota, ma soprattutto per aver conquistato il 50° successo Mondiale.

GARA 1

Jonathan Rea parte, dopo aver conquistato la Superpole, dalla prima posizione, Haslam e Davies, rispettivamente dalla seconda e dalla terza piazza. I semafori si spengono e Rea parte subito alla grande. La pista australiana è perfetta per dare spettacolo e questi tre piloti non smettono un secondo. Anche Jordi Torres, a metà gara riesce ad intromettersi, riuscendo ad approfittare di un grave errore di Haslam, che ormai sembrava spacciato. Il pilota britannico, però, non si arrende e riesce a recuperare la sua seconda posizione, fino a lottare con Rea per la vittoria ma è il pilota della Kawasaki a conquistare in volata il primo posto nella prima gara dell’anno. Grande gara e grande spettacolo dei primi tre piloti ma da sottolineare anche l’ottima prova di Torres, che si aggiudica il quarto posto al debutto, a bordo dell’Aprilia, e di Sykes che nonostante un errore iniziale è riuscito a recuperare sino al sesto posto, arrivando davanti al campione del mondo Guintoli, solo settimo. Un plauso anche a Troy Bayliss che chiude al 13° posto.

GARA 2

Durante Gara 1, Leon Haslam ha dimostrato di avere quell’aggressività e quella grinta per potersi accaparrare il primo posto e infatti, dopo una battaglia infinita, piena di sorpassi e contro-sorpassi, con Rea, Torres, Van de Mark e Chaz Davies, riesce, proprio in volata, a battere il pilota targato Kawasaki e tagliare il traguardo per primo. Alle sue spalle Jonathan Rea e terzo sempre Chaz Davies: due gare di sacrificio quelle del pilota della Ducati che con calma e testa è riuscito a mantenere il podio, sopportando i continui attacchi degli avversari. Questa volta è Sykes a chiudere in quarta posizione, sempre davanti a Guintoli, quinto. Nico Terol riesce a tagliare il traguardo al sesto posto mentre De Puniet arriva settimo. Migliora, da decimo di Gara 1 a ottavo Camier, con la sua MV Augusta. Mentre Troy Bayliss chiude al 16° posto. Torres, Van de Mark e Lowes non concludono la seconda gara.

CLASSIFICA SBK PILOTI

  1. L. HASLAM APRILIA 45
  2. J. REA KAWASAKI 45
  3. C. DAVIES DUCATI 32
  4. T. SYKES KAWASAKI 23
  5. S. GUINTOLI HONDA 20
  6. N. TEROL DUCATI 18
  7. L. CAMIER MV AGUSTA 14
  8. J. TORRES APRILIA 13
  9. M. BAIOCCO DUCATI 12
  10. M. VD MARK HONDA 11
  11. R. DE PUNIET SUZUKI 9
  12. L. MERCADO DUCATI 9
  13. A. LOWES SUZUKI 7
  14. R. RAMOS KAWASAKI 6
  15. S. BARRIER BMW 5
  16. S. BARRAGAN KAWASAKI 3
  17. T. BAYLISS DUCATI 3
  18. L. PEGRAM EBR 2
  19. J. METCHER KAWASAKI 2
  20. C. PONSSON KAWASAKI 1

CLASSIFICA SBK COSTRUTTORI

  1.  KAWASAKI 45
  2.  APRILIA 45
  3.  DUCATI 32
  4.  HONDA 22
  5.  SUZUKI 16
  6.  MV AGUSTA 14
  7.  BMW 5
  8.  EBR 2

Per il mondiale di Superbike è stata un’ottima prima tappa, divertente e spettacolare, sia per i piloti, per i team ma soprattutto per gli addetti ai lavori e per i tifosi. Prossima tappa, tra un mese, il Chang International Circuit, in Thailandia.