Il weekend di Assen era annunciato difficile per Aprilia. Su una pista tradizionalmente poco favorevole alle caratteristiche della RSV4, la casa di Noale ha invece limitato i danni con un doppio podio: prima in gara-1 ci ha pensato Sylvain Guintoli a cogliere il terzo posto mentre nella e dallo splendido successo nella seconda manche di Eugene Laverty: il pilota irlandese, quarto in mattinata, è stato capace di mettersi dietro Tom Sykes (irresistibile in gara-1) e Loris Baz, entrambi in sella a Kawasaki.

Guintoli (sesto in gara-2) conserva la vetta del Mondiale dove resta in testa con 111 punti; dietro di lui un terzetto a 83, composto dal compagno Laverty, Chaz Davies e Sykes. Un primato che Aprilia rinforza in classifica costruttori visto il weekend orribilis di BMW. E tra meno di due settimane si corre a Monza dove le RSV4 godranno del favore del pronostico e possono allungare ancora sugli avversari. La moto campione del mondo dimostra ancora di essere quella da battere. Anche senza Max Biaggi che, almeno per ora, non tornerà in pista per salvare la Ducati

Classifica (dopo 3 di 15 round):

Piloti 1. Guintoli 111; 2. Laverty 83; 3. Davies 83; 4. Sykes 83; 5. Rea 63; 6.
Baz 58; 7. Fabrizio 53; 8. Melandri 51; 9. Cluzel 41; 10. Giugliano 33; 11.
Camier 30; 12. Checa 29; 13. Haslam 29; 14. Neukirchner 29; 15. Badovini 20; 16.
Clementi 14; 17. Sandi 8; 18. Lundh 7; 19. Allerton 6; 20. Stauffer 4; 21.
Iannuzzo 2; 22. Aitchison 2.

Costruttori:  1. Aprilia 131; 2. BMW 99; 3. Kawasaki 94; 4. Honda 70; 5. Suzuki
52; 6. Ducati 40.