Il Mondiale SBK è pronto ad affrontare l’epilogo stagionale domenica a Jerez de la Frontera, già teatro di diversi test durante la stagione in corso. Prima di quest’anno, il tracciato andaluso aveva ospitato il circo delle derivate dalla serie in una sola occasione, nel 1990. Il passato, più recente, riaffiora sicuramente anche nella testa di Tom Sykes che lo scorso anno di questi tempi perdeva il titolo per solo mezzo punto per la gioia di Max Biaggi.

Ora l’inglese della Kawasaki si affaccia all’evento conclusivo con un notevole margine in classifica rispetto agli unici due rivali ancora in lotta per il titolo, Eugene Laverty e Sylvain Guintoli (Aprilia), fermi rispettivamente a 37 e 38 punti di distanza dal leader al quale basterà tenere sotto controllo le due RSV4. Cercherà di chiudere in bellezza l’avventura in BMWMarco Melandri che oltre a Chaz Davies avrà un secondo compagno, Sylvain Barrier, promosso in “prima squadra dopo il secondo titolo consecutivo nella Superstock 1000.

Toni Elias va in cerca di risultati importanti sulla pista di casa su cui vanta ottimi trascorsi. Leon Camier e Loris Baz scalpitano per rientrare in pista mentre Javier Fores prenderà il posto di Carlos Checa per l’ultima prova di una stagione disastrosa per la Ducati. In Andalusia ci sarà anche un pezzo d’Australia con il campione nazionale della FX Superbike Broc Parkes che sarà in sella alla Yamaha YZF-R1 del Team YART con cui ha già corso il Mondiale Endurance.

photocredit: Atti Lauro