Sotto un diluvio torrenziale Nicky Hayden, soprannominato “Kentucky Kid”, ha dominato Gara 2 sul circuito malese di Sepang. Il pilota statunitense, nato a Owensboro, Kentucky (appunto, nda) ha centrato il primo successo nella categoria portando in alto la bandiera della Honda. Il campione iridato della MotoGP della stagione 2006 aveva già conquistato un podio in Olanda, sul circuito di Assen. Due circuiti conosciuti anche nella MotoGP ed Hayden, 34 anni, ha portato a casa una vittoria importantissima a dieci anni di distanza dalla vittoria del mondiale di MotoGP.

Grande secondo posto per l’italiano Davide Giugliuano. Il ducatista, grazie ad una grandissima rimonta, ha insidiato il primo posto dell’americano senza però riuscire a sorpassarlo. Giugliano ha finalmente dimostrato tutto il suo valore conquistando un podio davvero importante per lui e per la casa di Borgo Panigale. Chiude il podio Jonathan Rea. Il pilota della Kawasaki non riesce a stare lontano dal podio nemmeno in una gara come quella di Sepang.

Chaz Davies chiude al quarto posto. La Ducati del britannico conquista punti importanti per non lasciare andare Rea verso un solitario finale di stagione nel quale il pilota della Kawasaki può indisturbato vincere il campionato di SBK. Davies era riuscito ad arrivare sul podio, sull’ultimo gradino, ma la distanza da Rea e Sykes era notevole. La sorpresa della giornata si chiama Anthony West che in sella alla Kawasaki del team Pedercini Racing conquista un ottimo quinto posto. L’australiano ha dimostrato tutto il suo talento sulla pista bagnata di Sepang, conquistando punti importanti per la stagione. Sesta piazza per l’altra Honda, quella guidata da Van der Mark. L’olandese non è riuscito a portare la sua CBR1000RR oltre gli ostacoli West e Davies.

De Angelis conquista il settimo posto con una grande prestazione con la sua Aprilia. Il sanmarinese ha faticato in questo inizio di stagione a trovare il giusto feeling ma questa gara potrebbe dare la giusta carica al pilota. Tom Sykes nella veste di Dottor Jekyll e Mister Hyde. Dopo la brillante prova di Sabato in Gara 1, il “secondo” pilota della Kawasaki ufficiale ha chiuso all’ottavo posto nella seconda manche malese. Una caduta, non fisica ma di posizioni, che condanna, forse, Sykes ad essere “attore non protagonista” nella seconda parte di stagione della SBK.