A Donington Park dominio assoluto di Tom Sykes che cala la sua seconda doppietta stagionale (la quinta della carriera) allungando in classifica. Un chiaro messaggio ai rivali che pensano di sottrargli lo scettro di campione del mondo. Come in una fotocopia del round di Aragon, l’altro alfiere del Kawasaki Racing Team, Loris Baz, ha chiuso nuovamente dietro all’iridato in carica. Quattro successi nelle ultime quattro gare sul tracciato del Leicester per il pilota inglese che in gara-2 ha assaporato per la prima volta la testa della corsa alla fine del decimo giro e, dopo qualche scambio di posizione con Baz e Sylvain Guintoli (Aprilia), è riuscito a prendere un piccolo margine sui rivali che è poi bastato per il successo.

Quarto e quinto posto per gli alfieri del Ducati Superbike Team, Davide Giugliano e Chaz Davies, a precedere i piloti del Team Pata Honda, Jonathan Rea e Leon Haslam. A terra Marco Melandri, entrato in contatto con la GSX-R di Alex Lowes (Voltcom Crescent Suzuki), ed Eugene Laverty, scivolato alla Goddards, sfortunato come in gara 1. Tutti e tre i piloti sono riusciti a tornare in sella ma rimanendo fuori dalle posizioni che contano.

Nella prima manche la battaglia tra Sykes e Baz per il gradino più alto del podio si è risolta dopo un duello epico con il campione del mondo a farla da padrone dopo essere stato decisamente attardato nelle fasi iniziali della corsa. Dietro la coppia ufficiale Kawasaki si è classificato Lowes, al suo secondo podio in stagione. Quarto posto per Melandri, a precedere Davies, Rea e Guintoli, quest’ultimo autore di un dritto al dodicesimo giro. Caduto in gara-1 Giugliano.

LEGGI ANCHE

SBK Phillip Island 2014: Suzuki nella storia

SBK 2014 team e piloti: boom di presenze per un Mondiale imperdibile

SBK Jerez 2013: Tom Sykes campione del mondo