La casa automobilistica francese presenterà al prossimo Salone di Parigi la nuovissima Peugeot 508, modello di punta nel segmento D, ossia quello delle stradiste, dove il “Leone francese” è presente ormai da molti anni. Al vertice della nuova gamma ’8′ della casa francese, che è adesso la più giovane della sua storia, Peugeot 508 incarna l’ambizione del marchio per quanto riguarda la crescita all’interno della gamma, l’esigenza di qualità e la valorizzazione della sua immagine nel mondo. Prodotta in Francia e in Cina, è stata venduta fin dal lancio in più di 370 000 unità. E la Cina, che dal 2013 è diventata il primo mercato per la Peugeot 508, rappresenta ora oltre il 36% delle vendite.

Un elemento che aggiunge qualcosa di nuovo e di diverso alla vettura francese è la nuova calandra, più verticale, più decisa e integra al centro il Leone che rimanda in modo evidente alle sue illustri antenate della serie 5. Anche dal punto di vista tecnologico (LEGGI L’ARTICOLO) la nuova “francesina” presenta delle novità come il Touchscreen da 7 pollici che raggruppa in modo intuitivo la maggior parte delle funzionalità del veicolo, ad esempio la navigazione, climatizzazione, radio, connettività, e molti altri. Altri equipaggiamenti tecnologici sono il Keyless System (accesso veicolo e accensione senza chiave), il freno di stazionamento elettrico, il retrovisore elettrocromatico, lo Smartbeam (commutazione automatica degli abbaglianti), il sensore di perdita di pressione dei pneumatici, i rilevatori di ostacoli anteriori e posteriori e il climatizzatore automatico quadri-zona. A tutti questi equipaggiamenti si aggiungono i nuovi Blind Corner Assist (sistema di monitoraggio dell’angolo cieco della vettura) e la retrocamera, la cui immagine viene riproposta a colori sul Touchscreen, senza dimenticare la connettività e le Peugeot Connect Apps.

La nuova 508, nella versione benzina, porta con sé un nuovo motore Euro 6: è l’1.6 THP 165 CV S&S, abbinato a un cambio meccanico a 6 marce (oppure col cambio automatico a sei rapporti EAT6). La potenza di questa vettura spigionata 165 CV, sovralimentato con un turbo twin scroll, a iniezione diretta stechiometrica da 200 bar. Le emissioni di CO2 sono state ridotte fino a 135g/km. Per quanto concerne la motorizzazione Diesel, Peugeot fornisce la scelta di una versione 1.6 e-HDi 115 CV FAP S&S, abbinato a un cambio manuale a sei marce o ad un cambio robotizzato a sei rapporti (ETG6)o della 2.0 BlueHDi 180 CV EAT6 omologata a 120 g di CO2 /km.

Un punto focale su cui concentrarsi è soprattutto la tecnologia HYbrid4, l’unica offerta nell’ambito del segmento D. Per questa nuova 508, il motore termico Diesel 2.0 HDi da 163 CV e il motore elettrico da 37 CV associato alle ruote posteriori funzionano in modo alternato, oppure insieme, in maniera tale che il guidatore non si accorga di nulla. Le quattro modalità di guida selezionabili (ZEV, 4 ruote motrici, Sport e Auto) offrono al conducente la scelta sul comfort di utilizzo, inoltre i consumi si assestano sui 104g di CO2 /km, e con consumi misti di 4 litri/100km. Peugeot crede molto in questa tecnologia e ci tiene molto al secondo posto come venditore in Europa di ibride.

LEGGI ANCHE:

Peugeot 208 T16 test drive: un indomabile Leone per i puristi del rally

Peugeot 308 GT 2014: nuova versione dinamica per l’auto dell’anno

Peugeot 508 RXH: prima vettura ibrida in dotazione alla Polizia di Stato