La Volkswagen presenta una concept car sportiva ad altissima efficienza concepita sulla base della XL1: si tratta della XL Sport. Una vettura sportiva come non se ne erano mai viste prima: in anteprima mondiale al Salone dell’automobile di Parigi la Volkswagen presenta il prototipo della XL Sport. Un’auto ispirata, senza alcun compromesso, al principio della struttura leggera adottato nella realizzazione delle vetture sportive di razza. Si tratta di una vettura che raggiunge i 270 km/h. Nella zona posteriore della XL Sport lavora un autentico highlight tecnico, il motore V2 della nuova Ducati 1199 Superleggera – la moto a 2 cilindri più potente al mondo – come la XL1.

Superleggera, viene realizzata come prodotto artigianale in sole 500 unità, impiegando metodologie di lavoro manuale e, nel contempo, tecnologie di produzione industriali di altissima precisione. La XL 1 e la Superleggera sono due icone tecnologiche realizzate in materiali leggeri quali il carbonio e11 e il magnesio. Oggi queste icone si fondono dando origine a una vettura sportiva dal carattere assolutamente unico. Un risultato d’eccellenza ottenuto dagli ingegneri aerodinamici e dai designer della Volkswagen. Trattandosi del prototipo di una vettura sportiva di razza, s’impongono per ragioni tecniche, tra l’altro, pneumatici larghi, un elevato fabbisogno d’aria di raffreddamento e una deportanza ottimale. Particolarissimi gli speciali Air Curtains che, nella zona frontale, convogliano l’aria in modo mirato in appositi canali, conferendo alla vettura un forte appeal aerodinamico.


Il motore della XL Sport è costituito dai due cilindri a quattro valvole disposti ad angolo di 90° l’uno rispetto all’altro disponendo di distribuzione desmodromica delle valvole (comando forzato) proprio come la moto Ducati 1199, il motore più potente al mondo. La XL Sport dispone di un nuovo cambio intermedio che riduce il regime del motore di un fattore pari a 1,86. Il motore rende potentissima questa leggera auto sportiva. La vettura presenta per esempio un valore di accelerazione che le consente di passare da 0 a 100 km/h in 5,7 secondi, ma si tratta solo di un effetto secondario. In realtà quel che rende la XL Sport una vettura degna dei circuiti da competizione è la combinazione di motore V2 ad alti regimi, peso ridotto della vettura, perfetta aerodinamica e un assetto che è stato perlopiù progettato ex novo. Il sistema delle sospensioni , integrato in uno spaceframe in acciaio ad alta resistenza.

La XL Sport è sorella della XL1. Le due vetture condividono la medesima base costruttiva. L’elemento comune principale è la carrozzeria, realizzata con numerosi componenti in materiale sintetico rinforzato con fibra di carbonio (CFK), con struttura monoscocca (e posti a sedere per guidatore e passeggero collocati in posizione leggermente sfalsata). Le porte ad ala di gabbiano della XL1 e della XL Sport richiamano l’immagine di una supersportiva. Le dimensioni in dettaglio: la XL Sport presentata a Parigi è lunga 4.291 mm (XL1: 3.888 mm), larga 1.847 mm (XL1: 1.664 mm) e alta 1.152 mm (XL1: 1.153 mm). È stato allungato anche il passo, che misura 2.424 mm (XL1: 2.224 mm). Il design frontale e quello posteriore con linee dinamicamente allungate e sinuose conferiscono alla vettura un look aggressivo ma allo stesso tempo elegante. L’abitacolo della XL Sport si basa sugli interni della XL1; è stato tuttavia modificato e individualizzato mediante speciali dettagli al fine di adeguarlo al dinamismo completamente originale della vettura. La XL Sport dispone quindi di una strumentazione digitale specificamente46 concepita per le competizioni sportive che, oltre alla pressione dell’olio, indica i tempi sul giro. Una strumentazione studiata per conferire tutte le emozioni di una supersportiva da competizione su pista.

LEGGI ANCHE

Salone di Parigi 2014 novità: tutte le anteprime della manifestazione

Salone di Parigi 2014: tutte le info sulle manifestazione

Tutto sul Salone di Parigi