Al prossimo e imminente Salone di Ginevra verrano svelate in anteprima mondiale quattro varianti della Volkswagen Polo, presentata nello scorso gennaio. Dopo un solo mese, la nuova city car tedesca si arricchisce con le versioni indipendenti Polo TSI BlueMotion, Polo TDI BlueMotion, Polo BlueGT e CrossPolo. La Polo BlueMotion, caratterizzata da consumi ridottissimi e finora disponibile unicamente con motore Turbodiesel, divenuta un punto di riferimento in termini di efficienza grazie alla versione TSI BlueMotion (95 CV), in cui per prima volta la Volkswagen utilizza questo tre cilindri di nuova concezione. Con un consumo nel ciclo combinato di 4,1 l/100, stabilisce un nuovo primato tra le vetture benzina della sua categoria. Ottima l’efficienza anche per la cinque posti Diesel Polo TDI BlueMotion: con il suo tre cilindri 75 CV i consumi si attestano infatti su appena 3,1 l/100 km.

La Polo BlueGT, grazie al sistema di gestione attiva dei cilindri (ACT) in esclusiva per questa motorizzazione, offre massima dinamica per un’efficienza senza compromessi. Il motore è in grado di erogare ora 150 CV di potenza, dieci in più rispetto ai 140 della versione precedente. Dedicata agli amanti del fuoristrada è, invece, la CrossPolo che si rivolge a tutti i coloro che apprezzano un’estetica offroad personalizzata pur mantenendo tutte le caratteristiche del modello di origine, comprese le 5 porte. Nuovi i colori, i rivestimenti per i sedili, i cerchi e i gruppi ottici posteriori scuri.

Un vantaggio in termini di dinamica è offerto dalla gamma R-Line, disponibile per la Polo Comfortline e la Polo Highline. Le dotazioni R-Line sotto forma di pacchetti Interni ed Esterni, per esempio paraurti, sedili sportivi e volanti, sono stati perfezionati appositamente per adatta rsi alla nuova generazione della Polo. Tutte le nuove Polo vantano una gamma di soluzioni tecnologiche uniche per la categoria a livello di sistemi di trazione, comfort e sicurezza. Fanno la loro comparsa sistemi di assistenza di serie, quali frenata anti collisione multipla (che, dopo una collisione, interviene con una frenata automatica per evitare di incorrere in ulteriori impatti), sistema di riconoscimento della stanchezza del guidatore e, a ri chiesta, sistema di controllo perimetrale Front Assist con funzione di frenata di emergenza City e regolazione automatica della distanza (ACC).

I valori di consumo, risultano inferiori fino al 21% rispetto alla nuova Polo. I nuovi motori Euro 6 e gli inediti sistemi di infotainment (tra cui tre sistemi radio-CD e uno di radio-navigazione CD) e assistenza, compiono un notevole passo avanti a livello tecnologico segnando l’introduzione nel segmento di soluzioni tecnologiche tradizionalmente riservate alle vetture di categoria superiore.

LEGGI ANCHE

Volkswagen Golf Variant: è arrivata in Italia la station wagon

Volkswagen Golf GTI: un modello speciale da oltre 500 cavalli, gallery

Volkswagen Golf Tech&Sound: due versioni giovani per i neopatentati