La Seat ci ha preso gusto, e al salone di Francoforte presenta una nuova variante della sua sportiva di riferimento: la Leon Cupra 290. Il nome dice tutto, o quasi, infatti indica la potenza massima della compatta iberica che si avvicina, sempre di più, al riferimento della categoria, ovvero la potentissima Honda Civic Type-R, che può vantare ben 310 CV.

Quindi, il pezzo forte è il motore, il noto 2.0 TSI da 290 CV e 350 Nm di coppia massima che lavora in sinergia con un cambio manuale a 6 rapporti o con un automatico a doppia frizione, DSG, a 6 marce. Ma chiaramente c’è di più, come i cerchi in lega da 19 pollici color titanio, lo scarico sportivo di nuova concezione, il differenziale anteriore, i gruppi ottici a LED ed il controllo elettronico dell’assetto.

Le prestazioni, ovviamente, sono decisamente sportive, con un’accelerazione da 0 a 100 km/h che è coperta in 5,7 secondi (5,8 secondi con cambio manuale) ed una velocità massima autolimitata elettronicamente a 250 km/h.

Contenuti, rispetto alle performance, i consumi, che si attestano sui 6,6 l/100 km e sui 6,7 l/100 km in base alla trasmissione scelta dal cliente.

Per gli incontentabili, la Seat ha previsto il Performance Pack che annovera un impianto sportivo Brembo con più mordente, cerchi in lega e pneumatici specifici. Si tratta di un optional che sarà sicuramente apprezzato da chi frequenta i circuiti e si diletta nei track day, dove è possibile dar sfogo, in tutta sicurezza, ai tanti cavalli della Leon Cupra più potente.

Dettagli a parte, il corpo vettura della versione 290 non presenta cambiamenti di sorta, e si allinea con quello del modello 280 che conosciamo. Quindi, rispetto alle Leon convenzionali, è enfatizzato dal paraurti anteriore specifico, dalla calandra a nido d’ape, dallo spoiler sul portellone e dal doppio terminale di scarico con tanto di cromature.